Vai al contenuto

Bimba di 7 anni scomparsa nel 2021: l’incredibile scoperta del papà Filippo

Pubblicato: 06/06/2024 16:31

Filippo Zanella, fisioterapista cesenate di 47 anni, ha finalmente ritrovato la sua figlia dopo quasi tre anni di ricerche. Non vedeva la sua bambina dal settembre 2021, ma non ha mai perso la speranza e non si è mai arreso. Ora è riuscito a rintracciarla e a recuperarla in Polonia.
Leggi anche: La Bce taglia i tassi d’interesse: cosa significa per chi ha un mutuo

La piccola Noemi, nata in Italia nel 2014, era partita con la madre a fine settembre 2021 verso il Paese d’origine della donna e lì se ne erano perse progressivamente le tracce. La bambina è stata ritrovata ieri, mercoledì 5 giugno, a Rzeszòw. Lo ha raccontato durante una conferenza stampa il padre, che tempo fa si era trasferito in Polonia per ritrovarla.

Secondo quanto reso noto dalla Farnesina, la bimba è rientrata oggi, giovedì 6, in Italia. Sin dall’inizio, l’Ambasciata d’Italia a Varsavia, in stretto coordinamento con l’Unità per la tutela degli italiani all’estero della Farnesina, si era attivata per prestare assistenza al padre, mantenendo stretti contatti con i suoi legali e sensibilizzando le autorità locali sull’importanza di ritrovare la bambina.

Il rimpatrio della minore dalla Polonia è avvenuto a poche settimane dal rientro di un altro bambino dalla Turchia. Entrambi i casi erano stati affrontati dalla Task Force Minori contesi, gruppo di lavoro interministeriale presieduto dalla Farnesina per garantire l’unitarietà dell’azione di Governo in una materia delicata e complessa come quella dei bambini italiani illecitamente condotti fuori dai confini nazionali.

“Sono felice che la bambina sia finalmente tornata a casa”, ha commentato il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Antonio Tajani, “e auguro a lei e al papà di ritrovare un po’ di serenità”. Il vicepresidente ha, inoltre, ringraziato i funzionari dell’Unità per la tutela degli italiani all’estero della Farnesina e dell’Ambasciata a Varsavia per il lavoro svolto, sottolineando il costante impegno del Governo italiano per la tutela dei nostri connazionali nel mondo, in particolare dei minori.

Continua a leggere su TheSocialPost.it