Vai al contenuto

Valle del Sele, frustate ai figli e botte alla moglie: “Ti sotterro viva”. Elettricista a processo

Pubblicato: 08/06/2024 10:44

Un 43enne di un paese della provincia di Salerno è a processo per aver utilizzato i guinzagli dei cani e le pompe dell’acqua per picchiare i suoi quattro figli, dagli 11 ai 16 anni. La moglie si è costituita parte civile.
Leggi anche: Caldo afoso da una parte, temporali dall’altra: l’Italia divisa in due, cosa ci aspetta

Matrimoni

Il guinzaglio dei cani o le pompe dell’acqua usati come fruste per picchiare i figli: queste erano le punizioni per i quattro minorenni, due gemelli di undici anni e due ragazze di 16 e 14 anni, quando non volevano andare con lui a lavorare nei campi per badare al suo allevamento di cani. E ancora, le continue violenze nei confronti della moglie, picchiata di continuo e minacciata di morte: «Ti sotterro viva». L’elettricista 43enne della Valle del Sele, in provincia di Salerno, è accusato di violenze e maltrattamenti in famiglia.

«Condizione penosa e intollerabile»

È stata la moglie, difesa dall’avvocato Gerardo Mazzeo, a denunciare il marito, soprattutto per salvaguardare i propri figli. Mentre l’elettricista, assistito dall’avvocato Giuseppe Russo, ha scelto il rito ordinario per affrontare le accuse. Le indagini dei carabinieri hanno portato il pm della Procura di Salerno a tracciare un quadro terribile delle violenze in famiglia. Il magistrato ha definito «penosa e intollerabile» la condizione familiare.

Metodi crudeli

L’elettricista ricorreva spesso, secondo gli investigatori, a metodi crudeli per punire i figli ogni volta che non rispondevano immediatamente alle sue richieste. Qualsiasi oggetto gli capitasse tra le mani diventava un’arma per colpirli. Inoltre, oltre alle continue aggressioni fisiche nei confronti della moglie, le frasi minatorie contribuivano a creare un clima di terrore per la donna: «Ti faccio saltare la testa», o «Ti metto nei sacchi». La moglie veniva picchiata anche alla presenza dei figli più piccoli, con schiaffi, calci e pugni, e umiliata ripetutamente.

Dopo la denuncia, la donna e i figli hanno lasciato l’abitazione per trovare rifugio in un luogo sicuro

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 08/06/2024 13:04