Vai al contenuto

Dramma sul set: operatore si sente male e muore, addio a Gianluca Bombardone. Il cordoglio dei vip

Pubblicato: 09/06/2024 16:40

Stintino, una tranquilla località della Sardegna, è stata teatro di una drammatica perdita ieri pomeriggio. Gianluca Bombardone, operatore cinematografico di 44 anni, è deceduto davanti agli occhi sbalorditi di amici e colleghi durante una pausa dalle riprese di un documentario. La tragedia si è consumata nella piazza principale del paese, dove Bombardone, colpito da un malore improvviso, è crollato al suolo.

L’episodio si è verificato nel tardo pomeriggio. Gianluca Bombardone, noto per il suo lavoro dietro la macchina da presa, stava lavorando sul set di un documentario. Durante una pausa, ha improvvisamente avvertito un malore, richiamando immediatamente l’attenzione di due medici che si trovavano fortuitamente nelle vicinanze. Nonostante l’intervento tempestivo e l’immediata assistenza medica, l’operatore ha perso i sensi.

Il malore, poi i soccorsi immediati e disperati

Nel giro di pochi minuti, un’ambulanza e un elisoccorso sono giunti sul luogo per tentare di salvargli la vita. Gli operatori del 118 hanno cercato di rianimarlo incessantemente per circa un’ora, ma ogni sforzo è stato vano. Gianluca Bombardone non ha mai ripreso conoscenza ed è deceduto sul posto, lasciando un vuoto profondo tra chi lo conosceva e lavorava con lui.

La notizia della sua scomparsa ha subito scosso l’intera comunità del set e oltre. Gianluca Bombardone era conosciuto non solo per la sua competenza tecnica come operatore di macchina, ma anche per il suo carattere generoso e la sua passione contagiosa per il cinema. Era una figura amata e rispettata, sia come professionista sia come amico.

L’addio di Alessandro Gassmann: “Ciao Bomba”

Alessandro Gassmann, noto attore e regista italiano, ha voluto rendere omaggio a Bombardone con un messaggio toccante su Twitter: «È scomparso oggi Gianluca Bombardone, grande operatore di macchina, ma soprattutto bella persona e compagno di set insuperabile. Sono le persone come lui che fanno i film. Alla sua famiglia ed a chi lo conosceva un abbraccio forte e tutto il bene possibile. #ciaoBomba».

Gianluca Bombardone lascia la moglie e due bambini piccoli. La sua perdita è sentita profondamente da tutti coloro che lo conoscevano, colleghi e amici, che ricordano con affetto il suo contributo significativo al mondo del cinema e la sua personalità calorosa. La comunità cinematografica si è stretta attorno alla sua famiglia, offrendo sostegno e condividendo il dolore per una vita spezzata troppo presto.

Mentre le cause esatte del malore sono ancora da chiarire, la scomparsa di Gianluca Bombardone ci ricorda la fragilità della vita e l’importanza di ogni momento trascorso con le persone care. Il suo ricordo continuerà a vivere attraverso i film e i documentari a cui ha lavorato con tanto impegno e dedizione, e attraverso le testimonianze di chi ha avuto il privilegio di conoscerlo e lavorare con lui.

Continua a leggere su TheSocialPost.it