Vai al contenuto

Ragazza attaccata da uno squalo, si risveglia senza una mano e una gamba. La madre: “Raccapricciante”

Pubblicato: 10/06/2024 22:29

“Ce l’ho fatta”, sono state le prime parole di una ragazza di 15 anni al risveglio in ospedale dopo essere stata attaccata da uno squalo in Florida, perdendo una mano e una gamba. L’adolescente è stata vittima di un terribile morso venerdì scorso mentre si trovava con la madre e alcuni amici a Rosemary Beach, nella parte occidentale dello stato. La madre, Ann Blair Gribbin, ha raccontato che la giovane era nell’acqua alta fino alla cintola insieme alla sorella gemella e agli amici quando lo squalo l’ha attaccata all’improvviso.
Leggi anche: Céline Dion rivela: “Ho nascosto la malattia per 17 anni, gli spasmi mi hanno rotto le costole”

Fortunatamente, la ragazza era circondata da amici, uno dei quali è rimasto ferito nello scontro con lo squalo. Sono riusciti a portarla rapidamente a riva, chiedendo aiuto ai presenti. Le ferite della ragazza erano subito apparse gravissime, con la gamba squarciata dal morso. Per fortuna, tra i bagnanti c’erano diversi medici e infermieri in vacanza che hanno prestato i primi soccorsi, cercando di ridurre la perdita di sangue in attesa dell’arrivo dei soccorritori.

Le parole della madre sull’attacco: “Raccapricciante”

La scena descritta dalla madre era raccapricciante. “Ho visto le ferite sulla gamba e ho iniziato a urlare. Era senza vita, gli occhi chiusi, la bocca bianca e pallida. La ferita sulla sua gamba, o ciò che ne restava, sembrava uscita da un film dell’orrore,” ha ricordato la madre.

La ragazza è stata trasportata in elicottero in un ospedale di Pensacola, dove è stata immediatamente portata in sala operatoria. I medici hanno dovuto amputarle definitivamente la mano sinistra e una parte significativa della gamba destra. Successivamente, è stata collegata a un respiratore artificiale. Nonostante le prospettive di una lunga degenza nel reparto di terapia intensiva, sabato la giovane si è svegliata e ha iniziato a respirare autonomamente.

“È stato un primo grande passo, ma una volta che si è sistemata, le sue prime parole per noi sono state ‘Ce l’ho fatta’,” ha raccontato la madre. Ora, davanti a lei, la ragazza ha una lunga strada di recupero e riabilitazione. Dovrà affrontare diversi interventi chirurgici nelle prossime settimane per riprendersi fisicamente dall’attacco dello squalo, un evento che le ha cambiato la vita per sempre.

Continua a leggere su TheSocialPost.it