Vai al contenuto

Francia, i sondaggi danno in vantaggio Le Pen, ma Marcon recupera molto terreno

Pubblicato: 21/06/2024 15:13

A otto giorni dalle elezioni, la campagna elettorale francese entra nel vivo. Le intenzioni di voto dei cittadini iniziano a delinearsi con chiarezza. L’ultimo sondaggio, pubblicato dal quotidiano conservatore Le Figaro, mostra il Rassemblement National in testa con il 34%. Il Nuovo Fronte Popolare, che unisce la sinistra francese, segue al 29%. Al terzo posto, Renaissance, il partito di Emmanuel Macron, registra il 22%, guadagnando 4 punti rispetto al sondaggio della scorsa settimana.
Leggi anche: Francia, gli incubi di Macron: dopo Le Pen, ora c’è anche la sinistra radicale. E i sondaggi…

Prevista grande affluenza

Il sondaggio rivela un alto interesse per le elezioni legislative del 30 giugno. Il secondo turno è fissato per il 7 luglio. Queste elezioni, convocate da Macron, arrivano dopo il successo del Rassemblement National e di Marine Le Pen alle europee del 9 giugno. Il 64% degli elettori dichiara che si recherà alle urne, un aumento di 5 punti rispetto all’affluenza del 2022.


Alle elezioni europee, il Rassemblement National ha ottenuto il 32% dei voti. Un record assoluto nella storia del partito, che ha raccolto il doppio dei voti rispetto alla lista macroniana, ferma al 14,9%. Quasi un francese su tre ha votato per l’estrema destra, spingendo Macron a sciogliere il Parlamento e indire elezioni legislative anticipate.

Il fronte anti-Le Pen

Dopo intense trattative, le sinistre, i verdi e i socialisti hanno deciso di unirsi in un unico fronte popolare per fermare l’avanzata del Rassemblement National. Raphaël Glucksmann, leader di Place Publique, ha spiegato: “Mi importa solo che il Rassemblement National non vinca le elezioni e vada al governo. E l’unico modo di farlo è unirci. Abbiamo una responsabilità storica”. Il blocco di sinistra include socialisti, comunisti, Verdi e la France Insoumise di Mélenchon.

Continua a leggere su TheSocialPost.it