Vai al contenuto

Lady Diana, la casa a Mayfair è in vendita: lì incontrò Dodi per la prima volta. La cifra record per averla

Pubblicato: 24/06/2024 19:50

La casa della principessa Diana a Mayfair a Londra è stata messa in vendita, per la prima volta dopo 22 anni. Per la richiesta si parla di 10,95 milioni di sterline, l’equivalente di circa 12 milioni di euro. Nel dettaglio, la casa è composta da quattro piani, collegati tra loro da un ascensore interno. Ci sono una sala ricevimenti, un salotto, una biblioteca, due camere da letto con cabine armadio e bagno privato e un parcheggio sotterraneo privato. Al quarto piano una suite dotata di tutti i comfort. In questo luogo la principessa conobbe per la prima volta la famiglia Al-Fayed durante un pranzo nel 1996. Dall’inizio degli anni 2000, la casa appartiene ai fondatori della Pyms Gallery di Mayfair, Alan e Mary Hobart. Ma dopo la morte di Alan Hobart nel 2021 e di Mary Hobart all’inizio di quest’anno, la casa ora viene venduta su istruzioni dei suoi esecutori testamentari.  “Con i suoi legami aristocratici e reali, prevediamo un notevole interesse per questa casa da parte di acquirenti esigenti in tutto il mondo. È una casa trofeo con una storia illustre“, ha affermato il danese Arif, responsabile delle vendite Mayfair presso l’agenzia immobiliare Chestertons.
Leggi anche: “Meghan come Lady D.” il paragone che ha fatto infuriare il principe William

Diana, Lady D

Ecco invece le parole di Peter Wetherell, fondatore e presidente esecutivo dell’agenzia immobiliare che porta il suo nome: “Sul mercato per la prima volta in 22 anni, questa imponente casa situata nel cuore di Mayfair ha avuto due importanti proprietari, la contessa Spencer e gli Hobart. Quando la contessa Spencer viveva al 24 di Farm Street, gli ospiti includevano la sua figliastra Diana, principessa del Galles, il conte Jean-François Pineton de Chambrun, Mohammed Al-Fayed e il famoso parrucchiere Peter Constandinos. Quando la casa era di proprietà della famiglia Hobart, le pareti esponevano molte opere d’arte prestigiose e la proprietà fungeva da museo d’arte privato.

Continua a leggere su TheSocialPost.it