Vai al contenuto

Alla guida ubriaco e drogato: arrestato l’uomo che uccise Maurizio ed Alessandra, genitori di due bimbi

Pubblicato: 01/07/2024 18:15

Nelle ore scorse i carabinieri della Compagnia di Palestrina, Roma, hanno eseguito un’ordinanza emessa dal Gip del Tribunale di Tivoli che dispone la custodia cautelare in carcere per un 45enne, domiciliato nella frazione di Carchitti del Comune di Palestrina, gravemente indiziato per i reati di omicidio stradale e guida sotto l’influenza dell’alcol. Nell’incidente hanno perso la vita Maurizio Ponzo e Alessandra Corradi mentre rimasero gravemente feriti i due figli della coppia, due bambini di sei e dieci anni, ricoverati per lungo tempo all’ospedale Gemelli di Roma.
Leggi anche: Davide Baggio è morto in vacanza, gravissima la moglie che era con lui

Nell’ordinanza si legge che “All’esito delle indagini condotte, sono stati raccolti gravi indizi di colpevolezza in ordine al fatto che l’uomo, sotto l’effetto di sostanze alcoliche e psicotrope, si sarebbe posto alla guida del veicolo causando il sinistro mortale. In particolare, mentre percorreva il citato tratto stradale ad una velocità di circa 150 km orari – limite imposto è pari a 50 km orari – avrebbe invaso la carreggiata opposta impattando contro l’auto delle vittime”. L’uomo è stato condotto presso il carcere di Rebibbia.

L’incidente che ha causato la tragica morte di Maurizio Ponzo e Alessandra Corradi ha colpito profondamente l’intera comunità di Carchitti. Ponzo, chef in un ristorante locale, e Corradi, commercialista, erano figure ben conosciute e rispettate nella loro città. La coppia viveva a Carchitti con i loro figli e aveva trascorso la serata del 10 ottobre a cena dai nonni dei bambini, come facevano abitualmente ogni settimana. L’incidente si è verificato alle 22.30, a soli 300 metri di distanza dalla casa dei nonni. Stavano tornando a casa dopo una serata in famiglia, pronti a mettere a letto i bambini e prepararsi per un’altra giornata di lavoro. La notizia ha sconvolto la comunità, lasciando un vuoto enorme nelle vite di coloro che li conoscevano e amavano.

Continua a leggere su TheSocialPost.it