Vai al contenuto

Tappi delle bottiglie attaccati, da oggi sono obbligatori in Europa: Roma “osservata speciale”

Pubblicato: 03/07/2024 08:24

Oggi, 3 luglio 2024, segna un’importante svolta nella lotta contro l’inquinamento da plastica nell’Unione Europea. Da questa data, entra in vigore l’obbligo di vendere solo bottiglie di plastica con il tappo attaccato al contenitore, il cosiddetto “tappo solidale“. Questa misura è parte delle disposizioni finali della direttiva sulla plastica monouso (SUP) del 2019, che ha già vietato l’immissione in commercio di numerosi prodotti in plastica monouso, come piatti, posate, cannucce e cotton fioc.

L’Impatto Ambientale dei Tappi di Plastica

Per comprendere l’importanza di questa nuova normativa, basti pensare che, secondo i dati dell’Unione Europea, oltre 20 milioni di tappi e coperchi di bottiglia sono stati rinvenuti durante le attività di pulizia delle spiagge negli ultimi 30 anni. Questi piccoli oggetti rappresentano una delle componenti più comuni dei rifiuti marini e hanno un impatto devastante sull’ecosistema, poiché sono facilmente ingeriti dalla fauna marina e contribuiscono alla frammentazione della plastica in microplastiche.

La Direttiva SUP e i Nuovi Requisiti

La direttiva sulla plastica monouso, entrata in vigore nel 2019, ha introdotto un percorso progressivo per ridurre l’uso e l’impatto dei prodotti in plastica. Già dal 2021, molti articoli in plastica monouso sono stati banditi dal mercato europeo. Con l’entrata in vigore odierna delle nuove disposizioni, anche i tappi e i coperchi dei contenitori per bevande devono essere progettati in modo da rimanere attaccati al contenitore, prevenendo così la loro dispersione nell’ambiente.

Questa normativa si applica non solo alle bottiglie di plastica, ma anche agli imballaggi compositi come i cartoni del latte e dei succhi di frutta, escludendo però i contenitori in vetro.

L’Italia e l’Attuazione della Direttiva

Nonostante l’avanzamento dell’Europa in questa direzione, l’Italia rimane indietro nell’attuazione completa della direttiva. A fine maggio, la Commissione Europea ha avviato una procedura di infrazione contro l’Italia per non aver recepito pienamente e correttamente le disposizioni della direttiva SUP e per non aver rispettato gli obblighi sulla trasparenza del mercato unico. Roma ha tempo fino a fine luglio per rispondere alle obiezioni di Bruxelles, altrimenti la Commissione procederà con l’iter legale.

Un Passo Verso un Futuro più Sostenibile

L’introduzione del “tappo solidale” rappresenta un significativo passo avanti nella riduzione dell’inquinamento da plastica. Questo cambiamento di design mira a ridurre il numero di tappi dispersi nell’ambiente, contribuendo alla protezione delle spiagge e degli oceani. Mentre l’Europa avanza compatta verso un futuro più sostenibile, l’Italia è chiamata a compiere gli ultimi passi necessari per allinearsi alle nuove normative e dimostrare il suo impegno nella salvaguardia dell’ambiente.

In conclusione, la direttiva sulla plastica monouso e l’introduzione del “tappo solidale” sono esempi concreti di come politiche ambientali rigorose possano fare la differenza nella lotta contro l’inquinamento. La speranza è che questi sforzi possano ispirare altri paesi e regioni a intraprendere azioni simili per un pianeta più pulito e sostenibile.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 03/07/2024 11:46