Vai al contenuto

Milano, incendio a Chinatown, appartamento a fuoco: morto un cane domestico

Pubblicato: 10/07/2024 21:18

Un incendio devastante è scoppiato nella notte a Milano, nel quartiere di Chinatown. Le immagini mostrano una lingua di fuoco che si alza nel buio, con i camion dei vigili del fuoco arrivati prontamente sul posto per mettere in salvo una famiglia di quattro persone. Le operazioni di spegnimento, durate oltre tre ore, si sono concentrate su un appartamento al secondo piano di un edificio in via Niccolini 25, nel quartiere Paolo Sarpi.
Leggi anche: Pietro Morreale ha ucciso Roberta Siragusa e le ha dato fuoco: condannato all’ergastolo

Il VIDEO dell’incendio devastante in Paolo Sarei

L’incendio è divampato intorno alle 00:40 tra martedì 9 e mercoledì 10 luglio, iniziando dal piano terra e rapidamente raggiungendo il sottotetto della casa di due piani. L’allarme è stato dato immediatamente, e i vigili del fuoco sono intervenuti con quattro APS, un’autoscala, una botte e un carro soccorso. Le fiamme sono state circoscritte in pochi minuti, impedendo che si propagassero ai piani superiori. Tuttavia, le operazioni di bonifica sono continuate fino alle 5:30 del mercoledì mattina.

Nell’appartamento si trovava una famiglia di quattro persone, tutte trasportate in ambulanza per inalazione di fumo: due ragazzi in codice verde e due adulti in codice giallo. Anche un vigile del fuoco di 35 anni è stato portato in ospedale per una leggera intossicazione. Purtroppo, uno dei due cani della famiglia è morto, mentre l’altro, un barboncino, è sopravvissuto.

Le cause dell’incendio sono ancora sconosciute, ma le forze dell’ordine effettueranno i rilievi necessari nelle prossime ore. La mattina seguente, passando per via Niccolini, si poteva vedere lo scheletro dell’appartamento completamente distrutto. Le finestre mostrano interni devastati, con parte del tetto completamente bruciato, e l’aria è ancora impregnata di un odore di bruciato. Numerosi passanti si fermano sotto l’abitazione, alzando lo sguardo e chiedendosi cosa sia accaduto.

Continua a leggere su TheSocialPost.it