Vai al contenuto

Rosy Bindi, l’ultima battuta su Silvio Berlusconi: “Partire dall’aeroporto dedicato a lui? Sono venuta in treno”

Pubblicato: 11/07/2024 11:38
Rosy Bindi Berlusconi aeroporto

Silvio Berlusconi continua a far rodere il fegato dei suoi avversari politici anche dall’oltretomba. È anche il caso di Rosy Bindi. L’ex ministro della Sanità in quota Pd è ospite dell’ultima puntata di In Onda, il talk show di La7 condotto da Luca Telese e Marianna Aprile. Oltre a prendersela anche con la premier Giorgia Meloni, non risparmia l’ennesima frecciata in diretta tv al Cavaliere.
Leggi anche: Berlusconi, il post della esponente Pd scatena la polemica: “Un aeroporto non gli rende giustizia, dedichiamogli un centro massaggi o un night club”

L’attacco a Giorgia Meloni

Giorgia Meloni al vertice Nato ha ribadito che l?Italia terrà fede ai suoi impegni nello spendere il 2% del Pil per la difesa? – attacca a testa bassa Rosy Bindi, contraria al riarmo annunciato dal governo italiano – Qua c’è tutta la Meloni, e cioè la Meloni atlantista, che si accredita nei confronti degli Usa e chiede il riarmo. E poi c’è la Meloni che nel suo paese applica la visione di una destra pasticciona, corporativa, antimodernista, che va a braccetto coi poteri forti”.

“Sì, sono stata al governo, ma da questo punto di vista non so se definirmi mosca bianca o pecora nera. – affonda ancora il colpo Rosy Bindi – Ho la mia storia, io mi dissociai anche dall’intervento militare nella ex Jugoslavia. Rendiamoci conto di una cosa: il primo che è andato a parlare con Putin è stato Orban. E ci è andato perché è putiniano, non certo per la pace. Ma quelli che vogliono davvero la pace continuano ad armarsi o danno il via a un tavolo di trattative?”.

Rosy Bindi si accanisce contro Berlusconi: il video

Ad un certo punto Telese le chiede se prenderebbe un volo dall’aeroporto Silvio Berlusconi. E Rosy Bindi ironizza: “Intanto sono venuta in treno. Io comunque continuerò a chiamarlo Malpensa”. Poi prosegue nella sua filippica anti Cav: “Su Berlusconi mi sono già espressa molte volte, sull’aeroporto a lui intitolato credo che Berlusconi sia stato una persona che ha diviso questo Paese e che continuerà a dividerlo. Si pensi anche alla riforma della giustizia, che è figlia sua in qualche modo.

Lo dice anche Forza Italia che la dedica a Berlusconi. È la giustizia che protegge i potenti e che si accanisce coi ragazzi che si incontrano per bere una birra o che dipingono un muro. Ma ci siamo dimenticati i ministri di Berlusconi (Pietro Lunardi, ndr) che sostenevano che bisognava convivere con la mafia? La mafia è una delle principali cause dell’arretratezza di questo Paese. Io do atto a Lirio Abbate e ai giornalisti come lui di aver fatto inchieste prima dei magistrati, perché questo è il giornalismo d’inchiesta, checché ne dicano quelli che non vogliono gli infiltrati di Fanpage”, conclude.

Continua a leggere su TheSocialPost.it