Vai al contenuto

Sondrio, ritrovato il corpo del 17enne Giuseppe Marsichina, inghiottito dal fiume a Masino

Pubblicato: 11/07/2024 13:07

È stato ritrovato il corpo di Giuseppe Marsichina, il giovane di 17 anni di Rho, Milano, disperso da martedì scorso nelle acque del torrente Masino, in provincia di Sondrio. I sommozzatori dei vigili del fuoco di Torino, insieme ai militari del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza, hanno individuato il corpo a qualche centinaio di metri dal punto in cui Giuseppe era stato visto per l’ultima volta.
Leggi anche: Morto per un attacco d’asma lo chef Remo Girotta, aveva 33 anni

Martedì 9 luglio, Giuseppe si è tuffato nel torrente Cataeggio, a Val Masino, per rinfrescarsi dal caldo torrido. Era in compagnia di amici, tutti alla ricerca di un po’ di frescura. Il torrente, però, era ingrossato a causa del maltempo dei giorni precedenti. Giuseppe non si è reso conto della forza della corrente e, una volta tuffato, è stato travolto.

L’intervento degli amici

Gli amici di Giuseppe hanno subito capito il pericolo. Hanno cercato di salvarlo, di trattenerlo, ma la corrente era troppo forte. Non c’è stato nulla da fare. La forza delle acque lo ha trascinato via sotto i loro occhi impotenti.

Dopo giorni di ricerche, i sommozzatori e i militari hanno finalmente trovato il corpo di Giuseppe. Era ad alcune centinaia di metri dal punto in cui si era tuffato. Una triste notizia, ma che permette almeno di dare un po’ di pace alla famiglia e agli amici.

Le condizioni dell’amico

Nel tentativo di salvare Giuseppe, un amico di 22 anni si è messo in grave pericolo. Fortunatamente, le sue condizioni stanno migliorando. Anche se il dolore per la perdita di Giuseppe resta, sapere che l’amico si sta riprendendo porta un po’ di sollievo.

“Un ragazzo pieno di vita”

Giuseppe era il primo di quattro figli, una ragazza e due bambini. Un fratello maggiore che ha lasciato un vuoto enorme nel cuore della sua famiglia e tutti i residenti che hanno visto il ragazzo crescere. Secondo quanto riporta Il Giorno, il sindaco di Rho, Andrea Orlandi, si ha espresso il suo cordoglio alla famiglia nel lutto.

“Era un ragazzo pieno di vita, simpatico, amante della natura e dell’avventura. Lo amiamo“, è il commento di uno degli amici della sua comitiva.

Continua a leggere su TheSocialPost.it