salvini macron

Passo indietro dell’Eliseo su Seawatch: al contrario di quanto stabilito precedentemente, la Francia non accoglierà parte dei migranti della nave a bandiera olandese attraccata a Catania lo scorso 31 gennaio. la nave, che era rimasta 6 giorni bloccata nelle acque di Siracusa, aveva a bordo 47 persone che la nave Seawatch 3 aveva salvato da certa morte e dal barcone sul quale stavano viaggiando. Appena arrivata a Catania, la Seawatch 3 era stata bloccata dalle indagini del Pm Carmelo Zuccaro.

È dunque destinata ad aumentare la tensione tra Francia e Italia: immediata naturalmente la reazione di Matteo Salvini.

Migranti sì, ma non “economici”

Il 31 gennaio erano stati 6 i Paesi a firmare l’accordo per ospitare i migranti della Seawatch, in tutto 47 persone: Germania, Lussemburgo, Romania, Francia, Portogallo, Lituania, Malta, Spagna e l’Italia.

Oggi, la Francia ha comunicato (come riportato dal Viminale) che “prenderà solo persone che hanno bisogno di protezione e non migranti economici”. Ha comunque garantito il suo appoggio all’Italia. Il ministero dell’intero ha così commentato: “Il Viminale prende atto: anche i francesi non vogliono clandestini. Ora ci si aspetta che Parigi dimostri con i fatti la sua buona volontà, collaborando per rimpatriare al più presto decine di senegalesi irregolari che si trovano in territorio italiano”.

Tutti gli articoli su Seawatch

seawatch 3

La Seawatch 3

Salvini: “Faremo a meno”

Matteo Salvini ha dichiarato in merito:Faremo a meno della Francia, non dei francesi che sono un popolo stupendo. Evidentemente chi sta governando ha le idee un po’ confuse”. il commento è arrivato mentre il vice premier si trovava in Abruzzo, per una manifestazione elettorale.

Continuano a essere complicate le cose per la Ong Seawatch, che su Twitter fa sapere: “Il nostro aereo di ricognizione Moonbird si è spostato in Svizzera per manutenzione. Con Sea Watch, AitaMari e Open Arms fermi nei porti, in questi giorni non c’è nessun assetto civile di soccorso nel Mediterraneo centrale.

Nessun testimone laggiù“.