È morto Lorenzo, malato di linfoma, gli italiani avevano donato per lui

Non ce l'ha fatta Lorenzo, affetto da linfoma non Hodgkin. Giusto la scorsa settimana aveva raggiunto la cifra necessaria alle cure negli USA

La sua storia aveva toccato il cuore di centinaia di persone. La storia di Lorenzo, un giovane medico di Ancona che solo otto mesi fa aveva scoperto di essere affetto da linfoma di non Hodgkin, una grave forma di cancro resistente alla chemioterapia. “Non è finita finché non è finita” aveva detto sussurrando nel video-appello rivolto a tutta Italia, che aveva reso la sua lotta di dominio pubblico.

Lorenzo non ce l’ha fatta, le donazioni ora alla ricerca

Lorenzo Farinelli si è spento nella sua casa dopo che aveva interrotto le cure ospedaliere in vista del viaggio negli Stati Uniti per l’ultima speranza: la car-t cells, una “terapia innovativa sperimentale che potrebbe fare la differenza per me e per molte altre persone” . Il viaggio e le cure in clinica sono state finanziate dalla raccolta fondi a lui dedicata, a cui hanno partecipato con grande generosità gli italiani arrivando a quota 500mila euro. E proprio la scorsa settimana la meta era stata raggiunta, tutte le spese pagate, non restava che partire per l’America, spinti dalla disperata e inarrestabile voglia di vivere di Lorenzo. “Non voglio morire” così aveva spiegato il motivo della sua richiesta d’aiuto e di fondi alle persone in ascolto. Ora le donazioni verranno destinate alla ricerca.



Fonte video