ventimiglia polizia francese migranti

Ancora tensioni al confine tra Francia e Italia, una linea maginot che esiste sebbene quotidianamente si voglia non guardare. Ancora una volta, gli eventi di cronaca ci portano al confine ovest, quello di Ventimiglia. Secondo quanto giunge in questi momenti dalle fonti locali e dai testimoni presenti, la polizia francese sarebbe ricorsa allo spray urticante come arma per “stanare” alcuni migranti.

La polizia francese ricorre di nuovo alla forza a Ventimiglia

Il fatto è accaduto questa mattina, alle prime ore del giorno a bordo di un vagone di un treno che collega Ventimiglia a Nizza. Un nuovo fatto gravissimo che riaccende i riflettori su una questione ormai delicata come quella dei migranti che quotidianamente cercando di varcare il confine tra le due nazioni.

La denunci è arrivata attraverso un video diffuso da Flavio Di Muro, deputato di origine torinese ma che da anni è residente a Ventimiglia. Il video, pubblicato sul suo profilo Facebook, riprende quanto accaduto sul vagone del treno che questa mattina era partito da Ventimiglia alla volta di Nizza.

Ganasce e spray urticante per “stanare” i migranti

Le riprese potrebbero non essere corredate da alcuna didascalia. Non è la prima volta che la polizia francese ricorre alle maniere forti contro i migranti che cercano di valicare il confine e anche questa sembra essere una vicenda da aggiungere al triste elenco.

L’intento della polizia francese, entrata in azione a Mentone, la prima stazione sul territorio francese dopo la stazione di partenza di Ventimiglia, era quello di riuscire a intercettare un gruppo di migranti nascosto sul vagone. “L’ennesimo atto unilaterale e ostile da parte della Francia – commenta Di Muro – Anche questa volta ne fanno le spese i cittadini italiani, e per questo informerò subito le autorità competenti“.

Non si può e non si deve chiudere gli occhi e questo viene ribadito nel post. Gli agenti francesi, come si evince da video, armati di spray urticante e ganasce, sono saliti a bordo del vagone con l’intento – forzato – di far scendere dal treno i migranti nascosti nel bagno.

ventimiglia polizia francese migranti

Il Governo italiano (additato di ‘lebbra nazionalista) non usa spray e ganasce alla stazione di Ventimiglia, non blocca strade e Autostrade – un chiaro riferimento a quanto accaduto, sempre al confine, nei giorni scorsi – Non ritira l’ambasciatore. Per domani il Sindaco di Nizza ha organizzato una manifestazione di amicizia.

Io non parteciperò a questa farsa e invito i Sindaci del Ponente a fare altrettanto“. I migranti presi di mira dai poliziotti francesi, una volta colpiti dallo spray urticante sono stati trasportati fuori dal treno in condizioni di difficoltà respiratorie.