eva henger

Non c’è fine al Canna-Gate, dopo un anno lo scandalo è solo migrato negli studi legali degli avvocati dei vip, ma non ha perso la sua verve. La più agguerrita è Eva Henger, che dopo aver risposto alle querele di Francesco Monte con una denuncia, ora diffida anche Alessia Marcuzzi. 

Tutti ricordano l’acceso dibattito tra l’ex naufraga e la conduttrice dell’Isola dei Famosi, durante una puntata in prime time. E nonostante sia passato del tempo gli animi non sembrano essersi sedati.

La diffida

L’ex diva di film hard ha spiegato le ragioni della sua scelta, quella di diffidare Alessia Marcuzzi, durante un’intervista rilasciata al settimanale Nuovo.

alessia-marcuzzi

Alessia Marcuzzi parla dell’Isola

Diffido la Marcuzzi nel continuare a dire che al mio posto, da madre, non si sarebbe comportata come me nei confronti di Monte” comincia infervorata la Henger. “Alessia la deve smettere di farmi passare come la matrigna cattiva perché Francesco non è un bambino e non devono esistere questi messaggi subliminali per denigrarmi e offendermi come donna e come madre. Il contratto diceva che ero obbligata a fare presente qualsiasi irregolarità che avveniva nella trasmissione. E a distanza di un anno la Marcuzzi in conferenza stampa ha ripetuto che lei da mamma non l’avrebbe fatto.

Vale a dire che, da madre, non avrebbe rispettato il contratto? Avrei dovuto firmarlo, ma non rispettarlo?“.

Tutti gli articoli sul Canna-Gate

Canna-Gate, le cose si complicano

Insomma l’affare canna-gate, a distanza di un anno, si è fatto ancora più contorto ed intrigato. A girare il coltello nella ferita è stato la notifica consegnata alla Henger in queste settimane. Alla Henger è stato chiesto di comparire in Tribunale, in base alla denuncia di diffamazione presentata da Monte.

Francesco Monte ai tempi della sua partecipazione all’Isola dei famosi

Come ha risposto l’ex naufraga a questo?

Con una contro-querela. “Ho sempre detto che non l’avrei denunciato. Mi riservavo di bacchettarlo per fargli capire la gravità di ciò che aveva commesso, mettendo in pericolo tutti noi. Però non volevo che finisse in tribunale” ha dichiarato Eva spiegando il suo gesto.Tutti e due avevamo firmato un contratto con precise regole e bisognava rispettarle. Se sono stata denunciata per aver detto la verità lo farò anche io. Posso denunciarlo in qualsiasi momento perché in Honduras i reati non vanno in prescrizione, come invece accade in Italia.

Francesco è stato presuntuoso perché quando ha acceso la prima canna pensava che nessuno degli altri concorrenti lo avrebbe detto: si sentiva protetto“.