peppino-mazzatta

Il nome è lo stesso Giuseppe, l’attore Mazzotta, il personaggio di Montalbano, Fazio. Sono molti anni che Peppino veste i panni del collega dell’amatissimo ispettore, nato dalla penna di Andrea Camilleri ed intepretato da Luca Zingaretti. Con il tempo è nata una certa affezione nei confronti di Giueppe Fazio.

L’attore di fiction e di teatro è stato ospite di Tiberio Timperi e Francesca Fialdini, il giorno in cui è andata in onda l’ultima puntata inedita della serie. Qui a La Vita In Diretta Mazzotta ha parlato del suo rapporto con il personaggio.

20 anni di Fazio

Peppino Mazzotta lo ammette: dopo 20 anni lui e il suo personaggio più longevo sono diventati quasi speculari.

Un po’ di Peppino è stato trasferito in Fazio e un po’ di Fazio c’è nella vita di tutti giorni dell’attore Mazzotta. “Tu, Peppino, collabori con l’osservatorio Antimafia e fai teatro ad altissimo livello: ma il ruolo dell’ispettore Fazio riesci a lasciarlo in camerino o ti perseguita un po’?“.

montalbano

Luca Zingaretti e Peppino Mazzotta sul set di Montalbano

Una domanda a bruciapelo quella della Fialdini, a cui Mazzotti risponde con molta sincerità. “Dopo venti anni per un attore è molto difficile distinguere dove finisci tu e dove comincia il personaggio.

Ci si presta delle cose a vicenda… Non è che sono ossessionato, per cui la mattina mi sveglio e non so chi sono, ma sicuramente una parte del mio carattere è passata in Fazio e una parte di Fazio è in me“. È un po’ come frequentare una persona per tanto tempo. “Se frequenti una persona per venti anni in qualche modo finisci per assomigliargli“.

Chi è Peppino Mazzotta

Di sicuro il ruolo di Giuseppe Fazio gli ha regalato grossa notorietà, essendo Montalbano una delle fiction più amate di sempre. “Far parte di Montalbano significa in qualche modo far parte della storia della televisione italiana, perchè il pubblico ha da sempre amato i poliziotti o i detective televisivi, decretando loro un enorme successo” ha fatto notare Tiberio Timperi.

Peppino Mazzotta a Venezia

Originario di Domanico, in provincia di Cosenza, Peppino Mazzotta è molto legato al palcoscenico. Negli anni è stato animo e fondatore di compagnie teatrali nel Sud Italia. Il botto sul grande schermo, invece, risale al 2014, nel film Anime Nere diretto da Francesco Munzi, in concorso alla  71ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia. Il ruolo dell’imprenditore colluso in questa pellicola gli vale la candidatura al il Nastro D’Argento.