macron fazio evidenza

Come era prevedibile, sono state molte le polemiche sull’intervista bomba fatta da Fabio Fazio a Emmanuel micron all’Eliseo, e mandata in onda a Che tempo che fa nella serata di ieri.

Oltre ad alcune affermazioni che hanno scatenato polemiche di diverso tipo, fatte dal presidente francese durante l’intervista, si sono sollevate questioni sul fatto che Fazio fosse volato a Parigi (magari a spese della Rai) in modo dispendio.

L’eterno “caso Fazio”

Se c’è un fatto che spesso e volentieri ultimamente è stato criticato a Fazio, è che il conduttore “costi troppo”: addirittura Di Maio aveva parlato di un “caso Fazio”, Salvini fa frequenti frecciatine al suo stipendio ritenuto “da capogiro” e in molti, anche a livello di vertici governativi, ritengono che il conduttore non valga quel che costi.

Un volo a Parigi sembrava dunque un’occasione servita su un piatto d’argento per additare il conduttore che non piace ai gialloverdi. Invece, a zittire le polemiche sui costi è stato proprio Fazio, che in trasmissione ha dichiarato: “Voglio sottolineare che i soldi del biglietto per andare a Parigi li ho spesi di tasca mia, non è costato nulla alla Rai”.

macron fazio 2

Fazio e Macron dopo l’intervista

Detto ciò, c’è anche chi ha criticato i contenuti stessi dell’intervista: Marco Mazzocchi ha ad esempio criticato l’impostazione dell’intervista. “È appena andata in onda una lezione di storia, politica, geopolitica, filosofia, economia, letteratura, da parte del Presidente Francese #Macron.

Su @Raiuno a #CheTempoCheFa. Per carità, pure interessante. Ma le interviste sono un’altra cosa”.

Giorgia Meloni non ha gradito affatto l’intervista: troppe le frasi che dal fronte di FDI sono sotto accusa. Una su tutte, il cenno a “Parigi capitale d’Italia”: “Si dice che Parigi sia la capitale d’Italia anche per quanti sono gli italiani che abitano qui e anche viceversa”.

La Meloni ha infatti dichiarato: ”Dato che è pagato con milioni di italianissimi euro per dire che l’Italia è una colonia francese, sarebbe bene fosse spedito a farsi stipendiare dai suoi amici d’oltralpe”.