Nicola Zingaretti: chi è, nel privato, il nuovo segretario del PD

Il Partito Democratico, dopo le primarie di domenica 3 marzo, ha un nuovo leader: Nicola Zingaretti. Oltre il 65% dei partecipanti ha votato per lui: si può quindi dire che Zingaretti abbia riscosso un discreto successo. Ma chi è davvero il segretario del PD? Cosa sappiamo della sua carriera precedente? Ma soprattutto, cosa sappiamo della sua vita privata, dell’uomo oltre la politica?

Una carriera precoce

Zingaretti ha cominciato a muoversi nel mondo della politica alla giovane età di 17 anni. Sembra, però, che quel mondo lo abbia in primo luogo travolto: “Sai quando cammini sul bagnasciuga, tu non te l’aspetti, lei arriva, e ti ritrovi tutto bagnato?

Ecco per me la politica è stata una cosa così. Non l’ho mai scelta, mi ci sono trovato in mezzo, zuppo” afferma Zingaretti con una brillante metafora durante una intervista a Vanity Fair. Il suo primo passo è stato in direzione di una politica pacifista: nel 1982 ha fondato l’associazione di volontariato antirazzista “Nero e non solo”. È stato Segretario Regionale del Lazio, consigliere comunale a Roma, parlamentare europeo e presidente della Provincia di Roma. Il 2013 ha segnato l’inizio della sua presidenza della Regione Lazio: nel 2018 è stato poi riconfermato in questo ruolo (caso unico nella storia della regione).

Particolarmente cari gli sono sempre stati i temi relativi all’ambiente, allo sviluppo sostenibile e alla legalità.

Nicola Zingaretti: chi è, nel privato, il nuovo segretario del PD

Nicola Zingaretti. Fonte: ANSA

I tre fratelli Zingaretti

Nicola Zingaretti è nato a Roma l’11 ottobre del 1965. È privo di un titolo di laurea, e possiede la licenza di Scuola Media Superiore. Ha un fratello maggiore, Luca, attore noto per l’intramontabile interpretazione del commissario Montalbano; ma ha anche una sorella, Angela, che lavora in banca. In un’intervista a Vanity Fair definisce se stesso riflessivo, Luca irascibile e Angela organizzativa.

I tre fratelli Zingaretti sono molto uniti: i genitori hanno sempre insegnato loro la gioia della condivisione e del rispetto reciproco. Quando gli impegni glielo consentono, la domenica si riuniscono nella casa materna.
Una storia curiosa proviene dal passato della loro famiglia: nel 1943 i nazisti sono entrati a casa dei nonni materni dei fratelli Zingaretti, poiché il nonno era ebreo. Ma la nonna, sola in casa, ha avuto la prontezza di mostrare i documenti con il suo cognome da nubile: un gesto che ha salvato la vita a lei e alla figlia.

Un gesto senza il quale i fratelli Zingaretti ora non sarebbero qui.

Nicola Zingaretti: chi è, nel privato, il nuovo segretario del PD

Nicola e Luca Zingaretti. Dal profilo Instagram di Nicola Zingaretti

Un uomo di famiglia

La moglie di Nicola Zingaretti si chiama Cristina. I due sono legati sin dai tempi del liceo, nonostante qualche tira e molla. Ora sono sposati da 20 anni. Cristina viene descritta dal marito, a Vanity Fair, come una donna molto riservata ed eticamente molto rigorosa: “ha dei principi e vive su questi principi senza farsi e fare sconti. Una cosa bellissima, questa, che ha trasmesso alle nostre figlie. Io sono un po’ più morbido e infatti le ragazze mi sgridano.

Se metto i piedi sul divano, urlano tutte”.
Le figlie di Nicola e Cristina sono due: Flavia e Agnese, di 13 e 17 anni. Zingaretti racconta così il suo legame con la famiglia: “La nascita delle mie figlie mi ha reso inconcepibile l’idea di trascurare la famiglia. Non esiste che io non vada a una loro recita scolastica perché ho un appuntamento istituzionale. Non potrei fare un lavoro che mi isola da loro e da mia moglie”.
Un uomo di famiglia, quindi, che ama la vita domestica nella sua casa di Prati e che non vuole rinunciare alla tranquillità e alla privacy lontano dai riflettori: “È la normalità che aiuta a restare umani.

Io faccio la spesa, cucino, prendo l’autobus, ma senza fotografi intorno. Se vedi le persone solo ai comizi non le comprenderai mai”.