alessandra cristian violenza

Dichiarazioni d’amore reciproche su Facebook, cuoricini, foto che li ritraggono insieme felici e innamorati. Alessandra e Cristian, sui social, parevano proprio essere una coppia affiatata e innamorata. Peccato che invece lui la picchiasse, roso dalla gelosia, e che in un attacco di rabbia incontenibile la scorsa notte l’abbia uccisa a calci e pugni.

Oggi, giorno della festa della donna, Alessandra Musarra non riceverà mimose: è stata uccisa dal suo fidanzato nel letto in cui dormiva a casa sua, dove è stata ritrovata in una pozza di sangue.

Un folle attacco di gelosia

Non è ben chiaro quale sia stato il fattore scatenante della rabbia di Cristian Ioppolo, mercoledì sera: si sa solo che si è accanito sul corpo della fidanzata con una ferocia letale, colpendola al volto e al corpo.

A trovare il cadavere è stato il padre: i genitori di Alessandra abitano proprio sotto all’appartamento della figlia e l’uomo si era preoccupato perché Alessandra aveva mandato un sms in cui diceva di essere tenuta ostaggio del fidanzato. A quel punto il padre avrebbe cercato di contattare la ragazza e lei non aveva risposto né aperto. È entrato dalla finestra, ed ha trovato la figlia ormai inerme nel letto.

Per lei, a quel punto, non c’era più niente da fare. Ora, riesce solo a commentare: “Non ho capito subito che era coinvolto il fidanzato . Tanta, troppa violenza.. Non so come spiegare tanta violenza”

Alessandra Musarra
Alessandra Musarra

Contro la violenza sulle donne

Della gelosia cronica di Cristian Ioppolo sapevano tutti e i sospetti si sono subito concentrati su di lui. Braccato e poi trovato dalla polizia, Cristian ha confessato. Che la violenza sulle donne fosse un tema a cui Alessandra era legata lo provano i suoi post su Facebook: proprio in questi giorni aveva condiviso una scena della soap opera Un Posto al Sole in cui una donna subiva le feci manifestazioni di gelosia del suo uomo, e lei aveva commentato: “Bravissimi gli attori ogni anno in vista alla festa della donna ci sono sempre nuovi temi di violenze sulle donne perché sono in mille modi…e un posto al sole le racconta tutte ?

grandiosi…”. Poco più di 24 ore dopo, Alessandra moriva nel suo letto.

Proprio nella giornata di mercoledì, alcune fonti segnalano che Alessandra aveva pubblicato un enigmatico post: “Lasciati alle spalle chi ti ha ferito. Lasciati alle spalle ciò che non puoi cambiare. Liberati di quei sentimenti che ti avvelenano.

Porta con te solo la forza e il coraggio di ricominciare. Non permettere a nessuno di spegnere il tuo sorriso“.

Ora il suo sorriso non c’è più. L’Italia, oggi, potrà vedere solo il ghigno di Cristian, ripreso in diversi video mentre entra nella volante della polizia per essere portato via.