Lunetta Savino a La Vita in Diretta

Lunetta Savino, conosciuta anche per il ruolo di Concetta in Un medico in famiglia, si lascia andare ad una lunga intervista, concessa al Corriere della Sera. Punto focale della discussione, l’amore in tarda età. L’attrice, infatti, si è innamorata, di nuovo, a 60 anni, dopo il divorzio avvenuto nel 1994, anche se sostiene che “Dopo ho avuto altre storie, ma mi sa che non sono destinata all’amore eterno” . Lunetta, infatti, è cresciuta con l’ideale dell’amore che legava i suoi genitori. Con il tempo ha capito che le relazioni stavano cambiando, così come il mondo.

“Grazie a lui, ho scoperto lati di me che non conoscevo”

Da tre anni, però, procede la sua storia con il giornalista e scrittore antimafia Saverio Lodato, che lei descrive come “simpatico e vivace, pieno di curiosità e interessi, e questo è importante perché non sempre i miei coetanei hanno tanta vitalità”. Il compagno, 67enne, pare aver risvegliato in Lunetta sentimenti adolescenziali. La stessa ha proseguito dicendo che grazie a Saverio, si è ritrovata a scoprire lati di sé che ancora non conosceva. Tra questi, annovera il piacere di discutere animatamente di attualità e di politica e la nuova passione per il tema della mafia, che ammette di conoscere poco. Grazie a lui, l’attrice ha inoltre cominciato a viaggiare molto di più, quasi senza sosta: “Con lui, poi, ho scoperto il piacere di girare il mondo, fare viaggi lunghi, andare in posti lontani. Non avrei immaginato che mi stimolasse così tanto, perché finora, finita una tournée, semplicemente desideravo fermarmi e stare a casa”.

Lunetta Savino: "Con lui, poi, ho scoperto il piacere di girare il mondo, fare viaggi lunghi, andare in posti lontani"\Ansa
Lunetta Savino: “Con lui, poi, ho scoperto il piacere di girare il mondo, fare viaggi lunghi, andare in posti lontani“\Ansa

Cosa significa innamorarsi a 60 anni

In ogni caso, l’amore tra due adulti e con un trascorso ben delineato alle spalle, assume sfaccettature diverse rispetto ad un normale rapporto di coppia. Innamorarsi a 60 anni, secondo la Savino, non porta con sé i rischi di perdere la propria indipendenza. “Da donna, mi accorgo che, alla nostra età, con i figli grandi, una vita già strutturata e un’autonomia anche economica, ti senti meno dipendente dalla relazione. L’indipendenza è essenziale, riguarda la libertà delle donne. Oggi, il rapporto con l’uomo non è più centrale per noi”, sottolinea.

"L'indipendenza è essenziale, riguarda la libertà delle donne"\Ansa
“L’indipendenza è essenziale, riguarda la libertà delle donne”\Ansa

“Da sempre, sono al fianco dei diritti delle donne”

Già in passato, Lunetta si era battuta per l’indipendenza e l’autonomia delle donne. Durante i periodi del Governo Berlusconi, girava l’Italia con Se non ora quando per protestare: insieme, con le donne che scendevano in piazza per ribellarsi allo scambio fra potere e sesso che emergeva dalle cronache politiche. “Giravamo l’Italia, io e Isabella Ragonese, portando nei teatri Libere, di Cristina Comencini, poi seguiva il dibattito. È stata una delle cose più entusiasmanti della mia vita. Abbiamo riportato in auge parole dimenticate come dignità e rispetto, condividendole con tante giovani”.

@Foto in copertina\Ansa