uma-thurman-e-carlo-conti

La serata dei David di Donatello, condotta da Carlo Conti, ha catalizzato davanti alla tv molti italiani. Sarà stata per la qualità dei film, sarà stato per la presenza di ospiti internazionali, quali Uma Thurman e Tim Burton, l’evento ha scatenato una grossa partecipazione da parte del pubblico sui social-network.

Ne è uscito fuori un po’ ammaccato il conduttore fiorentino, che tra una gaffe con la Thurman, “domande un po’ goffe” a Burton e l’ordine di una standing ovation per Benigni non ha superato l’esame del web. Intanto anche Dario Argento, omaggiato dalla giuria con un premio alla carriera, non sembra molto convinto da questi David, proprio come Fiorello.

Troppi premi a Dogman, troppo pochi a Sulla Mia Pelle, in buona sostanza uno show noioso questi David, secondo il regista 78enne.

L’ironia corre su Twitter

Il confronto con le star internazionali è sempre un banco di prova e spesso l’emozione tira brutti scherzi anche al più preparato dei conduttori. Così ecco che dopo aver chiamato sul palco Uma Thurman in occasione del premio ad Alessandro Broghi, Conti la manda a posto dimenticandosi di consegnarle il premio speciale alla carriera. Richiamata sul palco, la musa di Quentin Tarantino torna indietro con un velo di imbarazzo sul volto.

È stato allora che il pubblico da casa si è scatenato su Twitter.

Anche la premiazione di Tim Burton, con un altro premio speciale, ha destato un po’ di trambusto in rete. Il visionario regista, attualmente impegnato con la promozione del live-action targato Disney, Dumbo è stato sottoposto ad una serie di domande che i fan hanno trovato poco pensate.

Momento Benigni

A premiare Tim Burton, accolto da scroscianti applausi e standing ovation dalla platea, ci ha pensato il Premio Oscar nostrano Roberto Benigni. Quest’ultimo è arrivato con il suo solito fare scherzo, saltellante, per consegnare la statuetta e saltellare nuovamente giù dal palco.

Ma prima che il regista e attore italiano lasciasse il palcoscenico Conti lo ha subito richiamato: “Roberto. Esattamente 20 anni fa ci hai regalato una soddisfazione bellissima: 3 Oscar per La vita è bella. Grazie“. Ricordo accolto con toni freddini dal pubblico sottostante, incalzato dallo stesso Carlo. “In piedi” ha ordinato il conduttore, esigendo per Benigni lo stesso calore manifestato per Burton poco prima. E ci ha pensato Tim a spezzare l’imbarazzo. “Ricevere questo premio da Roberto è uno dei più grandi onori della mia vita” ha detto il regista.

tim-burton-e-benigni-david
Roberto Benigni premia Tim Burton ai David di Donatello

Il momento Benigni ha suscitato critiche seccate anche dal maestro dell’horror all’italiana Dario Argento. “Benigni? Ai David ieri ha fatto la solita pagliacciata, non mi è piaciuto per niente. Sembrava la caricatura di Benigni, è apparso saltellando e poi è subito sparito” ha detto Argento con una certa severità.

Dario Argento e la frecciata alla giuria

Dario Argento ha espresso il suo parere nel corso dell’intervista rilasciata ai microfoni di RaiRadio1, nel corso della trasmissione Un giorno da Pecora. E le parole su Benigni non sono state le uniche critiche del regista.

dario-argento
Dario Argento. Fonte foto: Ciak Magazine

Il genio del brivido ha infatti commentato il premio alla carriera ricevuto in occasione dei David. “Grazie, però potevate darmelo prima“. E poi ha aggiunto che il premio è molto bello ma era giusto dire anche come la pensava, dopo 40 anni di carriera.