fabrizio-corona

È un rischio alto che il re dei paparazzi corre: Fabrizio Corona potrebbe trascorrere in galera un anno in più rispetto a quanti ne ha definiti la sua condanna.

L’agente fotografico, dopo il suo ritorno a San Vittore lo scorso 25 marzo, ha lanciato un appello e chiede ai giudici un’altra possibilità.

Perché un anno in più

Dopo la revoca dell’affidamento terapeutico concesso a Corona ormai un anno fa, l’ex re dei paparazzi è stato costretto a tornare in prigione, per continuare a scontare la sua pena. Già in precedenza l’avvocato Nunzia Gatta aveva proposto una sospensione del periodo di disintossicazione di Corona, per le continue insubordinazioni e violazioni delle prescrizioni da parte dello stesso imprenditore.

Nina Moric: la reazione dopo il ritorno in carcere di Fabrizio Corona
Fabrizio Corona

Ora che l’affidamento è stato effettivamente revocato, la Procura Generarle chiede che l’anno trascorso fuori dal carcere a scopo riabilitativo non sia calcolato negli anni di condanna fino ad ora scontati. In questo modo la sua fine pena sarebbe fissata per il 2022, calcolando in più gli ultimi 12 mesi che il detenuto ha trascorso fuori dalla prigione.

L’appello di Corona

In attesa di ascoltare la decisione dei giudici a riguardo, Corona lancia il suo appello.

Mi sono reso conto di aver fatto qualcosa che non andava bene” ha dichiarato Fabrizio all’udienza di discussione. Poi ha chiesto: “Datemi un’altra possibilità“.

corona fabrizio
Fabrizio Corona.

Intanto Ivano Chiesa, che si occupa della difesa del signor Corona, auspica un nuovo affidamento terapeutico, seppure con una serie di restrizioni. I prossimi giorni saranno decisivi, poiché il tribunale stabilirà come procedere con il caso Corona.