Cronaca dal Mondo

Spacciatore addestra un pappagallo a fargli da “palo”: la polizia arresta entrambi

Una storia peculiare quella che arriva dal Brasile ove la polizia ha arrestato uno spacciatore e il suo bizzarro complice "palo", un pappagallo. L'uccello era stata addestrato dallo spacciatore ad avvertirlo con una frase in codice ogni qualvolta fosse arrivata la polizia
profilo di un pappagallo

Un duo ben collaudato quello formato da uno spacciatore e un pappagallo, il suo fido compagno di traffico illegale di stupefacenti. La notizia giunge dal Brasile dove la polizia si è ritrovata ad arrestare un pappagallo che, nello specifico, faceva da “palo” al suo padrone spacciatore.

Il pappagallo si trasforma in “complice-palo”

La notizia è diventata virale in pochissime ore ed è giunta in Italia dopo essere stata diffusa dalle più autorevoli fonti estere oltreoceano quali il Washington Post e il Guardian.

La notizia nello specifico arriva da Vila Irmã Dulce, località in quel di Piauì, per l’appunto in Brasile. La polizia si trovava da tempo sulla pista dell’uomo e tutto ha rischiato di finire all’aria per colpa di un uccello colorato e dall’arguta intelligenza.

Mamma, la polizia

Particolarmente obbediente e fedele, il pappagallo era stato abilmente addestrato dalla spacciatore per essere propriamente un suo compagno, la sua spalla destra per lo spaccio. Il pappagallo, di preciso, aveva il ruolo del “palo” ovvero doveva essere capace e veloce nell’avvertire l’amico della presenza della polizia.

Per essere super efficiente, lo spacciatore aveva insegnato lui una frase in particolare “Mamma, la polizia” da pronunciare tempestivamente qualora la polizia si fosse trovata sul posto. Ma gli agenti sono stati in grado di neutralizzare il pappagallo e di ammanettare lo spacciatore che, colto in flagrante, si trovava insieme ad un’altra donna.

Arrestati spacciatore e pappagallo

Al momento dell’arresto, come raccontato anche da un giornalista che si trovava sul luogo al momento dell’arresto, il pappagallo sarebbe stato serafico, muto, chiuso in sé stesso mostrandosi peraltro, particolarmente obbediente.

Potrebbe interessarti