soldato dello sri lanka

Continua la caccia delle forze dell’ordine contro i terroristi dell’ISIS che si sono resi protagonisti della strage di Pasqua a Colombo, Sri Lanka, costata la vita a quasi 400 persone. Nella notte un commando di Kamikaze si è fatto esplodere uccidendo diverse persone. 

Sri Lanka: kamikaze si fanno esplodere per sfuggire alla polizia

Non avevano via di scampo, così hanno scelto di di farsi esplodere portando con loro 15 persone tra cui 6 bambini. È accaduto durante un’operazione avvenuta nell’est del Paese, dove, durante uno scontro a fuoco tra forze dell’ordine e alcuni uomini sospettati di aver preso parte alla strage di Pasqua di Colombo, hanno deciso di farsi esplodere piuttosto che essere catturati.

Il racconto del comandante dell’operazione 

Secondo quanto riferito dal comandante Aruna Jayasekara, nella serata di venerdì la polizia ha ricevuto una soffiata che indicava la presenza di un gruppo di uomini probabilmente affiliati all’ISIS, la polizia si è recata sul luogo dove c’è stata prima una sparatoria e poi una serie di esplosioni (ne sono state contate almeno 3), innescate dagli stessi kamikaze. Nel covo sono stati trovati i resti di circa 15 persone tra cui alcuni bambini, morti durante le esplosioni.

All’interno del covo sono state trovate bandiere dello Stato Islamico, esplosivi, detonatori e giubbotti kamikaze. 

Le immagini della strage di Colombo nella domenica di Pasqua. Credits: Ansa

Sconsigliati i viaggi in Sri Lanka e niente più messa la domenica

Intanto il governo degli Stati Uniti ha vivamente sconsigliato ai cittadini americani viaggi nei territori dello Sri Lanka. Inoltre, dopo quanto accaduto a Colombo e vista la situazione instabile, i vertici religiosi del paese hanno stabilito che non saranno più celebrate messe la domenica fino a nuovo ordine.

Credits immagini in alto: Ansa