noemi santobono

È stato ascoltato dal giudice per la convalida del fermo nel carcere di Siena in cui è detenuto, Armando Del Re. L’uomo è accusato di essere stato l’esecutore materiale della sparatoria in piazza Nazionale, in cui una settimana fa è stata gravemente ferita la piccola Noemi. L’uomo nega di essere coinvolto, ma i magistrati stanno conducendo indagini sui suoi movimenti quel giorno.

Cardito: sentita dai pm la mamma di Valentina e Giuseppe
L’ospedale Santobono di Napoli dove si trova ricoverata la piccola Noemi

Armando Del Re interrogato nega tutte le accuse

L’uomo ha dichiarato davanti il gip Buccino Grimaldi di non essere stato lui a sparare nel centro di Napoli e di non avere niente a che fare con quanto accaduto.

Anzi, secondo quanto riportato da alcune fonti avrebbe lamentato il “linciaggio” dei media e dichiara che quando la storia sarà finita ne uscirà “massacrato“. Lo difende l’avvocato Claudio Davino, secondo il quale non ci sono elementi certi per incriminarlo. Il gip deciderà lunedì se confermare il fermo a Del Re, che nel frattempo rimane in carcere.

Il cardinale Sepe: “Porterò Noemi dal Papa”

Crescenzio Sepe, cardinale di Napoli, ha definito “disgraziati” e “belve” le persone coinvolte nella sparatoria, purtroppo tristemente frequenti nella città partenopea. “Mentre gioiamo per la ripresa della piccola Noemi, diventata una di noi e di tutta Napoli, e gioiamo per l’impegno delle forze dell’ordine, vogliamo gridare con forza ai protagonisti del male: pentitevi.

Non avete futuro. Verrà per voi il giorno del giudizio. Nella famiglia umana non c’è posto per voi“, ha dichiarato il prelato.

Il cardinale è andato a trovare Noemi, a cui ha portato anche un peluche in dono. Sepe ha parlato di “miracolo” per quanto riguarda la ripresa della bambina, di cui nemmeno i medici erano certi. Dopo la promessa di visita di Manuel Bortuzzo ne arriva un’altra per Noemi: il cardinale ha infatti fatto sapere che porterà la piccola dal Papa, anche esortato dai genitori, appena starà meglio.