primo piano di matteo salvini

La notizia è stata appena battuta dalle fonti vicine al vicepremier, leader della Lega, Matteo Salvini. Secondo quanto venuto a galla in questi primi momenti, al Centro di Smistamento Postale di Roma sarebbe stata intercettata una busta contenente un proiettile indirizzata proprio al ministro dell’Interno.

Busta con proiettile a Matteo Salvini

Non filtrano ulteriori informazioni sul quanto accaduto se non che al momento, sul caso, è già stata attivata l’operazione della Polizia di Stato. Sulla busta indirizzata al ministro dell’Interno, Matteo Salvini, non risultava scritto nulla – proprio come la lettera minatoria che è stata fatta reperire alla sindaca di Torino, Chiara Appendino – se non il destinatario, nessun mittente e nessun luogo di spedizione.

Dati mancanti che hanno fatto scattare il sospetto al Centro di Smistamento Postale di Roma che hanno provveduto immediatamente ad ispezionare il suo contenuto.

Il commento di Salvini: “Non mi fanno paura e non mi fermo

Anche all’interno non è stato ritrovato alcun biglietto, alcuna parola scritta ma solamente un proiettile calibro 9, un chiaro simbolo minatorio rivolto al leader della Lega. Intanto è già arrivata la condanna di Matteo Salvini che al brutale gesto nei suoi confronti ha così voluto rispondere: “Non mi fanno paura e non mi fermo“.

Sempre il leader del Carroccio, commentando l’accaduto, ha voluto rimettere tutto nelle mani dei suoi probabili elettori: “Più che da una politica spesso ipocrita confido nella solidarietà di milioni di italiani perbene che si esprimeranno con il voto di domenica“.