tavassi michelazzo

Anche Guendalina Tavassi si unisce al coro dei vip presi di mira da Eliana Michelazzo, Pamela Perricciolo e la loro agenzia. La Aicos, società di cui sono a capo non è solo coinvolta nell’affaire Mark Caltagirone, ma anche nella truffa dei profili fake che hanno tentato di abbordare diversi personaggi famosi.

Ieri Eliana Michelazzo, che ha confessato di non aver mai incontrato Mark Caltagirone, è stata ospite a Live – Non È La D’Urso per raccontare la sua verità. Il suo personaggio, molto controverso, è al momento sotto i riflettori e chi ritiene di aver subito o aver rischiato di subire una truffa da parte della Michelazzo, così come della Perricciolo, sta venendo allo scoperto.

La denuncia di Guendalina

L’ex gieffina è uscita allo scoperto, lo ha fatto sui social, con alcune story postate sul suo profilo Instagram. Guendalina Tavassi ha dichiarato di essere a conoscenza di certi meccanismi ormai da anni e di aver rischiato di diventare una vittima della Michelazzo e della Perricciolo.

La sua è una voce che si va ad aggiungere ad un nutrito coro, composto al momento da Alfonso Signorini, così come Sara Varone.

Entrambi sarebbero stati avvicinati in chat da un tale Lorenzo Coppi, nome che a quanto pare tornare anche nel caso di Guendalina. Ed anche Georgette Polizzi sembra conoscere un’oscura verità dietro l’attività della Aicos.

I post di Guendalina

Guendalina Tavassi, a distanza di anni, pubblica lo screenshot della chat in cui Lorenzo Coppi avrebbe provato ad approcciarla. Prima però con una story informa: “Non mi sono mai espressa a riguardo…ma so la verità e aspettavo questo momento da 9 lunghi anni“.

Poi ha aggiunto, mostrando la chat di Coppi: “Precisamente otto anni fa ci provarono anche con me…“. A chi le ha chiesto se in questo tempo si fosse o meno posta delle domande la Tavassi ha risposto: “Certo, sempre, indago da 9 anni. Ma ho scoperto immediatamente che era tutta una farsa, ma non capivo il perché di tutto ciò, adesso lo so“.