primo piano di fabrizio corona

La notizia è giunta in maniera del tutto definitiva ma nonostante ciò, Fabrizio Corona rimarrà in carcere. Stiamo parlando infatti esclusivamente di quei 2,6 milioni di euro che vennero rinvenuti nel controsoffitto di una sua collaboratrice.

2,6 milioni di euro nel controsoffitto

Era settembre dell’anno scorso quando l’ex re dei paparazzi, Fabrizio Corona, veniva condannato dalla Corte d’Appello di Milano a 6 mesi di reclusione per un reato fiscale ma si torna a parlare oggi di quel bottino quantificato in 2,6 milioni di euro, che venne ritrovato a casa di Francesca Persi, una sua vecchia conoscenza nonché sua collaboratrice. I soldi vennero ritrovati nel controsoffitto di una casa della Persi, ubicata in Austria, e altri soldi vennero ritrovati all’interno di due cassette di sicurezza sempre in terra austriaca.

La condanna della Corte d’Appello

La Corte d’Appello, lo scorso settembre, aveva deciso di condannare Fabrizio Corona a 6 mesi di carcere, una pena ridotta se si ricorda la sentenza in primo grado di giudizio, che condannava l’ex re dei paparazzi ad un anno di carcere. Entrando nel merito della sentenza di settembre però, emerge come già in quella occasione Corona venne giudicato colpevole per il solo illecito fiscale, l’accusa che verteva sui quasi 3 milioni ritrovati nel controsoffitto era già caduta.

Fabrizio Corona assolto

Oggi, a distanza di mesi dalla sentenza della Corte d’Appello, la Procura Generale ha comunicato che, per quanto riguarda i 2,6 milioni di euro, non farà alcun ricorso in Cassazione. Indi per cui Corona si può considerare totalmente assolto da questo campo d’imputazione caduto già in Corte d’Appello.

Non è ancora finita qui invece per quanto riguarda il secondo capo, quello relativo al reato fiscale per il quale Corona è stato condannato a 6 mesi di carcere: il prossimo 9 luglio avrà luogo una nuova udienza e la difesa di Corona ha fatto sapere di aver depositato il ricorso alla Suprema Corte contro la condanna emessa.

*immagine in alto: Fabrizio Corona. Fonte/Instagram Fabrizio Corona (dimensioni modificate)