arma

Agghiaccianti le notizie che arrivano dal Mali, uno Stato nel continente Africano, a ovest. Sono pochissime le informazioni che filtrano dalle fonti inglesi. Secondo quanto riportato dalla BBC, sarebbero almeno 100 le persone morte in queste ore durante un attacco armato in un villaggio.

Mali, attacco armato in un villaggio

Non sono chiare le motivazioni, le cause e nemmeno le dinamiche. Tutto quello che sappiamo è quanto riportato dalle fonti inglesi. Come spiega la BBC, in queste ore si sarebbe verificato un attacco armato nel villaggio di Sobane Kou, un villaggio nel Mali, in Africa.

Secondo quanto trapelato, l’attacco sarebbe avvenuto nel cuore di un villaggio abitato dal gruppo etnico dei Dogon, popolazione africana che vive nella la falesia di Bandiagara – formazione rocciosa – al di sotto del fiume Niger. Non si conoscono i moventi ma quello che è venuto a galla, per certo, è che un gruppo di aggressori si è avventato, armato, sul villaggio e sulla popolazione.

Villaggio in fiamme, spari sui fuggitivi

Come riporta la BBC, uomini armati avrebbero messo a ferro e fuoco il villaggio intero, dando fuoco alle case e aprendo il fuoco contro chiunque stesse cercando di scappare alla carneficina.

Come riportano numerose testate giornalistiche, un funzionario del comune di Koundou avrebbe confermato la presenza di almeno 100 morti nell’attacco – 95 persone già contate – una stima che potrebbe crescere di ora in ora. Almeno un terzo della popolazione sarebbe infatti morta nell’attacco e come si rinviene, nella totalità si potevano contare sino a 300 persone.

Indagando sulle cause dell’attacco, è fortemente possibile che si tratti di un attacco di matrice etnica messo in atto da membri di una milizia locale. Al numero dei morti si aggiunge anche il triste bilancio dei dispersi che sarebbero al momento almeno 19. Si legge su Rai News: “Abbiamo 95 civili uccisi al momento, i corpi sono bruciati, continuiamo a cercare cadaveri“, avrebbe rilasciato il funzionario comunale.