wanda

È Dagospia questa volta a svelare l’ennesimo colpo di scena nel giallo Caltagirone. Proprio come Pamela Prati, anche Wanda Ferro, deputata di Fratelli d’Italia, avrebbe dovuto sposare l’inesistente Mark. Ed anche in questo caso dietro il raggiro il nome di Pamela Perricciolo.

È la stessa Ferro che, non appena la vicenda della Prati ha cominciato ad incuriosire il pubblico, ha voluto mettere in chiaro alcune cose, proprio con Dagospia. A confermare il tutto tra le pagine di Dagospia è un’altra politica calabrese, la politica militante nel Pd Alessia Bausone.

L’intervento della Ferro

Era il 5 aprile, poco più di 2 mesi fa, quando il Prati-Gate stava per esplodere che Wanda Ferro ha voluto fare una precisazione. “Tengo a precisare che non sono mai stata sposata con alcuno, come si può facilmente verificare, e che non ho mai conosciuto personalmente Marco Caltagirone, al quale mi legano esclusivamente alcuni scambi di battute scherzose su Facebook risalenti ad alcuni anni fa“.

pamela
Pamela Prati

La donna, come da prassi ormai appurata, sarebbe stata corteggiata mezzo Facebook da un uomo che non è mai esistito, Mark Caltagirone. La relazione è andata avanti al punto che Wanda nel 2016 ha cominciato ad organizzare le loro nozze, le quali, ovviamente, non hanno mai avuto luogo. Quella che stava progettando la Ferro era una cerimonia intima, in Toscana. Stando a Dagospia avrebbe anche incontrato in un hotel di Roma le due manager Perricciolo e Michelazzo che le hanno organizzato una consulenza con un noto stilista per l’abito da sposa. Una conferma di questi rapporti con le due socie Aicos sono alcuni post apparsi sul profilo Instagram della stessa Michelazzo.

foto
Post di Eliana Michelazzo in cui figura la Ferro

La testimonianza di Alessia Bausone

Un’altra importante testimonianza arriva da Alessia Bausone, la politica Pd che ha fornito la sua versione della vicenda a Dagospia.

Dall’inizio ho difeso Wanda Ferro per lo shitstorming politico dei profili Fake della famiglia allargata Caltagirone-Coppi che voleva inficiarle la campagna elettorale e di conseguenza l’elezione al Parlamento nei primi mesi dello scorso anno” ha dichiarato. “C’è da dire che nella vulgata della ‘Catanzaro bene’ tutti o quasi sono a conoscenza del fatto che lei nel 2016 avrebbe dovuto sposarsi con Caltagirone“.