Vai al contenuto

Donna vive 23 anni con delle forbici nell’addome

Pubblicato: 25/06/2019 19:27

E’ avvenuto nella regione Russa dell’Ossezia Settentrionale-Alania, dove una donna di 62 anni, Ezeta Gobeeva, ha scoperto di avere un paio di forbici chirurgiche lunghe 15cm nell’addome, dimenticate li dai medici in seguito ad un parto cesareo avvenuto nel 1996, 23 anni fa.

23 anni di dolori allo stomaco

La donna da anni lamentava forti dolori all’addome ed era costretta a prendere antidolorifici giornalmente. Secondo i medici locali, la causa era da imputarsi ad una disfunzionalità del fegato.

Quando finalmente la donna è stata sottoposta ad una lastra per approfondire l’origine dei dolori, il radiografo è rimasto stupito nel notare le forbici nell’addome della paziente.

“Piangevo, il dolore era terribile”, racconta Ezeta, la quale si sottoporrà a breve ad un’ulteriore operazione per la rimozione delle forbici. Le spese mediche le saranno pagate dalle autorità e l’errore potrebbe garantire alla signora anche un indennizzo. Intanto, il giornale russo Pravda riporta che un fascicolo investigativo sul caso è già stato aperto

Molti i casi simili

Per quanto possa sembrare allucinante, il caso è ben lungi dall’essere singolare. Sono infatti molteplici le notizie riguardanti pazienti che scoprono di avere materiali chirurgici all’interno del loro corpo, dimenticati da medici sbadati in seguito ad un’operazione. In Vietnam un signore ha vissuto per 18 anni con delle forbici nell’addome, lo stesso è avvenuto in Kazakistan a Karp Ponomaryov, il quale ha scoperto l’oggetto dopo 12 anni di dolori continui.

Casi anche negli ospedali Italiani

Ma non è necessario recarsi in paesi lontani per assistere a tali drastici eventi. Sono infatti molteplici i casi anche in Italia. Recentemente a Roma, una signora di 65 anni, finita sotto ai ferri d’urgenza per sottoporsi ad una emicolectomia, è stata operata una secondo volta in seguito alla dimenticanza dei chirurghi di una paio di pinze lunghe 30 cm nel suo addome.

Continua a leggere su TheSocialPost.it