Selvaggia Lucarelli Instagram

Tutti la conoscono come la terribile giudice di Ballando con le Stelle, o come la giornalista senza peli sulla lingua. Ma Selvaggia Lucarelli è molto di più. Stavolta, si è aperta e ha parlato del difficile rapporto con il cibo che ha sempre avuto sin da piccola. Della dura educazione alimentare che i suoi genitori le hanno impartito.

Il superfluo in casa di Selvaggia Lucarelli

Selvaggia Lucarelli si trova in vacanza in Marocco con il suo attraente fidanzato Lorenzo Bigiarelli e con il figlio Leon. In questi giorni, mentre lei è in viaggio, è uscita un’intervista sul settimanale Oggi. La giornalista ha raccontato al giornale diretto da Umberto Brindani, del complesso rapporto che ha sempre avuto con il cibo.

Una questione molto privata che la donna non ha voluto nascondere, ammettendo di stare molto attenta a cosa e a quanto mangia perché tende a prendere peso facilmente. Nonostante ciò alla Lucarelli piace mangiare e piace il buon cibo, forse non a caso si è fidanzata con uno chef: “Sono una di quelle che oscilla di dieci chili o due taglie: mi metto a dieta per necessità, prendo peso con soddisfazione. Sono nata affamata, ho vissuto cercando di saziarmi. Questo è il mio karma: quando dimagrisco so già che non durerà“.

A tal proposito la giornalista ha appena pubblicato il suo ultimo libro, edito da Rizzoli, “Falso in bilancia“, sottotitolo: “Storia di una donna che preferisce entrare in pasticceria che in una taglia 40”. Nel testo si affronta proprio il conflitto che ogni donna vive, ovvero quello con il proprio peso e con l’immagine del proprio corpo.

Questa attenzione per l’alimentazione ha origini lontane, sin da quando era piccola in casa sua non vi era mai cibo superfluo: “A casa nostra il frigo era sempre, desolatamente, malinconicamente, vuoto“. E ha continuato: “Da noi il superfluo era considerato veramente superfluo“.

L’aneddoto sul padre

Solo quando era malata a Selvaggia Lucarelli era concesso qualche piccolo extra, il padre, infatti, le portava un’aranciata per farla stare meglio: “Quando avevo la febbre mio padre si presentava con l’aranciata perché credeva che la bibita gassata contenesse molte vitamine“, ha raccontato la giornalista. Anche questo piacere era, però, autorizzato in maniera ridotta e controllata: “Comunque era concessa una sola bottiglietta“. E la crema spalmabile alla nocciola che tutti i bambini desiderano mangiare con il pane? Anche quella un lusso raro: “Forse solo a Natale” ha detto la Lucarelli. Forse per compensare a tutta questa austerità, forse per non far passare al figlio ciò che ha passato lei, oggi in casa della giurata di Ballando la dispensa è sempre piena, è lei stessa ad ammetterlo: “La mia dispensa oggi? Sembra un reparto dell’Esselunga“.

Immagine in evidenza: Selvaggia Lucarelli. Fonte: Instagram