Aggressione Frosinone

Francesco è un ricercatore e questa notte, a Frosinone, mentre partecipava a un concerto di beneficenza è stato brutalmente aggredito. La sua “colpa”? Quella di aver indossato la maglietta del Cinema America. Un’altra aggressione per questo motivo, la terza nel giro di poco più di un mese.

Reo di aver indossato la maglietta del Cinema America

Francesco, un 33enne ricercatore universitario di bio-fisica, si trovava ieri sera a Frosinone. Stava partecipando a un concerto di beneficienza contro la leucemia, organizzato in ricordo di un suo amico morto sei anni fa.

Il ragazzo è stato dapprima minacciato nei pressi dei bagni, successivamente l’hanno inseguito e picchiato. La motivazione sembra chiara: indossava la maglietta color amaranto del Cinema America. Chi lo ha aggredito gliel’ha strappata e gli ha rotto gli occhiali. Si tratta dell’ennesima brutale aggressione nel giro di un mese. Sul sito di Rai News si leggono poche, ma precise, parole del ricercatore: “Erano di estrema destra“.

Le altre aggressioni

Tutto è iniziato a metà giugno quando alcuni ragazzi, vicini all’associazione culturale del Cinema America, hanno denunciato di essere stati aggrediti a Roma.

Uno di loro, David Habib, è stato ricoverato all’ospedale Fatebenefratelli e ha riportato una frattura scomposta alla piramide nasale e un trauma facciale. I giovani sarebbero stati aggrediti da un gruppo di persone intorno ai 30 anni. Pochi giorni dopo un altro assalto, questa volta ai danni di una ragazza. La vittima è l’ex fidanzata del presidente dell’associazione ‘Piccolo America’ Valerio Carocci. Per rintracciare gli aggressori, la Digos ha portato avanti un lavoro di indagine meticoloso.

Le parole dei ragazzi del Cinema America

Ancora una volta colpiti i ragazzi del Cinema America e chi appoggia le loro attività culturali e inclusive.

Come è stato per le aggressioni precedenti, anche in questo caso l’associazione non si è tirata indietro e ha voluto mostrare il proprio sostegno alla vittima. Su Facebook la pagina “I ragazzi del Cinema America”, ha pubblicato le foto del ragazzo aggredito e ha scritto: “Francesco è stato aggredito questa notte perché indossava la nostra maglietta mentre partecipava a un concerto di beneficenza contro la leucemia a Frosinone, in ricordo di un suo amico morto sei anni fa“.

Il post continua con una descrizione del 33enne e del vile gesto: “La vittima, 33 anni e ricercatore universitario in bio-fisica, è stata prima minacciata nei bagni poi inseguita e picchiata. I tre aggressori, che ci riferiscono essere di estrema destra, oltre ad avergli strappato la maglia gli hanno rotto gli occhiali che indossava“. Infine, un messaggio di forza e di resistenza: “Tutta la nostra solidarietà a Francesco. Nessun passo indietro“.

Immagine in evidenza: Il ricercatore 33enne aggredito ieri sera. Fonte: I ragazzi del Cinema America/Facebook