gerry scotti

Gerry Scotti è andato a visitare gli iconici luoghi in cui si ambientano le vicende del commissario Montalbano, fermandosi in particolare proprio a Scicli, teatro di tantissime scene della serie, e visitando in particolare l’ufficio del famoso commissario nato dall’immaginazione dello scrittore scomparso lo scorso 17 luglio, Andrea Camilleri. Gerry Scotti è stato immortalato nel celebre ufficio entrato nell’immaginario dei tanti che hanno visto la serie interpretata da Luca Zingaretti.

Gerry Scotti incontra il commissario Montalbano

La scenografia è quella della meravigliosa Scicli, la cittadina in provincia di Ragusa diventata celebre grazie alla penna dell’immenso scrittore Andrea Camilleri.

Come riportano fonti locali, Gerry Scotti ha visitato i luoghi che hanno fatto da sfondo e da vitale contesto alle vicende del commissario Montalbano.

I libri di Camilleri che hanno come protagonista Salvo Montalbano, si sa, sono anche stati adattati in una fiction Rai che ha visto la sua prima messa in onda nel 1999 e che ha riscosso immenso successo. Proprio in quello che nella fiction è l’ufficio del commissario, Gerry Scotti è stato fotografato nell’atto, sembra, di imitarlo.

Visualizza questo post su Instagram

Il commissario Gerry Scotti interroga Peppe Savà.

Un post condiviso da Peppe Savà (@peppesava) in data:

Gerry Scotti sulle orme del commissario

Gerry Scotti ha poi proseguito il suo viaggio, accompagnato dal giornalista Peppe Savà.

Dopo aver visitato i luoghi in cui si svolge la vita del commissario Montalbano, il celebre conduttore ha visitato tutto il centro storico con le meraviglie barocche di Scicli.

Intanto, Luca Zingaretti, che ha interpretato sin dagli esordi della serie prodotta dalla Palomar per la Rai il commissario Montalbano, ha condiviso su Instagram un video in cui comunica che sono finite le riprese della 14esima stagione che vedremo nel 2020. Sono due i sentimenti che animano l’attore nel comunicare l’annuncio: “Fine film.

Felicità e tanta tanta tristezza. Potete capire!“. Il riferimento al “padre” del commissario Montalbano è insomma velato ma impossibile da fraintendere, la sua morte e la fine delle riprese della 14esima stagione sembrano quasi chiudere una fase non solo della vita dell’attore ma di chiunque abbia amato il suo personaggio.