ospedale scafati

All’ospedale di Scafati, in provincia di Salerno, si è verificata una circostanza decisamente sconveniente e che sta sollevando un vero polverone. Nell’obitorio della struttura dei parenti in visita hanno trovato il cadavere della defunta 61enne loro parente ricoperto da formiche ed hanno immediatamente allertato il 112.

L’ospedale di Scafati ha già reso nota una dichiarazione ufficiale in merito.

Formiche uscite da due battiscopa

Dev’essere stato grave lo sgomento di coloro che, in stato di sofferenza, hanno fatto visita alla salma di una donna di 61 anni residente ad Angri ed hanno visto decine di formiche correre sul corpo della donna.

Immediatamente hanno cercato di capire da dove venissero gli insetti, riuscendo a capire che a quanto pare arrivavano da uno spazio tra due battiscopa.

La risposta dell’ospedale

L’ospedale ha espresso la sua vicinanza alla famiglia, assicurando che verranno immediatamente avviate indagini sul caso: “In riferimento ai fatti verificatisi stamane presso la sala mortuaria del P.O.  Mauro Scarlato in Scafati, si comunica che, immediatamente allertati, sono giunti sul posto il dottor Alfonso Giordano direttore del DEA Nocera Inferiore/Scafati/Pagani , il dottor Luigi lupo direttore del Nucleo Operativo ispettivo e il dottor Maurizio D’Ambrosio, dirigente medico del P.O.

di Scafati ed  è stato altresì investito il Dipartimento di Prevenzione. È emerso che il decesso  è avvenuto alle ore 9,20, il trasporto della salma in obitorio tra le ore 9,30 e 9,45 dopodiché sono stati rinvenuti insetti che inequivocabilmente fuoriuscivano da un interstizio tra due battiscopa.  Si evidenzia , in merito, che l’A.S.L. Salerno aveva già effettuato una serie di attività preventive volte alla  sanificazione  degli ambienti mediante plurimi interventi, l’ultimo dei quali effettuato in data 7 agosto ed ulteriori attività sono peraltro già programmate”.