Simon Gautier turista francese scomparso Cilento

Nonostante la macchina dei soccorsi sia attiva da giorni, impiegando elicotteri, droni, volontari a terra, unità cinofile, non c’è ancora alcuna traccia di Simon Gautier. L’escursionista francese di 27 anni è disperso dal 9 agosto scorso nel Salernitano.

Il dispiegamento di forze per trovare il turista scomparso

Sembra essersi volatilizzato nel nulla Simon Gautier, il 27enne scomparso dal 9 agosto in Cilento. Da quell’ultima chiamata fatta dal ragazzo ai soccorritori non si hanno più sue notizie. La zona è impervia ma le ricerche non si sono fermate. Oltre ai volontari ci sono anche gli speleologi del gruppo alpino da alcuni giorni.

I Vigili del fuoco stanno facendo del loro meglio per cercare negli anfratti della costa. E, inoltre, sono stati impiegati anche dei droni che sorvolano il litorale tra Scario e Marina di Camerota, come si legge su La Repubblica Napoli.

Una motovedetta e due gommoni della Capitaneria di Porto del Circondario di Palinuro, e alcuni mezzi della protezione civile stanno perlustrando anche in mare. Intanto arrivano le parole della Prefettura: “Abbiamo messo in campo tutti gli uomini e i mezzi necessari. Si sta facendo davvero tutto il possibile“. E chiariscono: “Purtroppo l’area interessata dalle ricerche è vasta ed impervia, e presenta pareti rocciose e dirupi a picco sul mare“.

Diffuse anche le foto del ragazzo disperso

Il comune di Santa Marina, insieme al Comando dei carabinieri di Sapri, ha deciso di diffondere le ultime foto dell’escursionista. Grazie alle immagini, riprese dalle telecamere della videosorveglianza comunale, si è riusciti a ricostruire gli ultimi momenti di Simon prima della scomparsa. L’8 agosto è arrivato alla stazione ferroviaria di Policastro Bussentino, poco dopo le 16. Il 27enne indossava un bermuda di jeans, una maglietta e aveva con sé uno zaino. In seguito si è incamminato lungo le strade di Policastro, verso il porto e ha acquistato delle bottigliette d’acqua.

Dalle 16.45 più nessuna immagine. “Abbiamo la certezza che Simon sia partito realmente da Policastro. Questo può essere utile anche per un eventuale intervento dei cani molecolari“, ha detto Giovanni Fortunato, il sindaco di Santa Marina.

L’arrivo della madre e degli amici

Non appena appreso della scomparsa, sono giunti dalla Francia gli amici e la madre del ragazzo per aiutare e seguire le ricerche. Delphine Godard, la madre del 27enne, ha lanciato un appello affinché la Francia e l’Italia si coordinino e inviino più soccorritori. Secondo quanto affermato da chi lo conosce bene, Simon non sarebbe uno sprovveduto, era partito attrezzato, con cibo e bevande che gli sarebbero dovute bastare per almeno 15 giorni. Sono ore drammatiche per loro, ma la speranza di trovarlo in vita è ancora alta. “La speranza è l’ unica cosa che mi rimane. La speranza di trovarlo e abbracciarlo“, ha confidato la signora Godard, la quale ha concluso dicendo: “Sembra che ci sia stata un’accelerata nelle indagini. Penso manchi davvero poco“.

Nel frattempo, oggi arriverà sul posto anche l’ambasciatore francese in Italia, Christian Masset. E, mentre le ricerche continuano senza sosta, alle 19 è stata organizzata a Scario, dalla proloco e dalla parrocchia, una veglia di preghiera per il ragazzo.

Immagine in evidenza: Una delle ultime immagini di Simon Gautier ripreso dalle telecamere di sorveglianza del Comune di Santa Marina. Fonte: Ansa