Maurizio Costanzo Nadia Toffa

Sono passati meno di 10 giorni dalla morte prematura di Nadia Toffa. Molti personaggi del mondo dello spettacolo continuano a renderle omaggio e a ricordarla. Molti si concentrano su com’era la Iena, alcuni hanno però voluto ricordare ciò che ha dovuto provare. Tra questi, si è pronunciato anche Maurizio Costanzo.

Il dolore di Nadia Toffa dovuto agli haters

Non solo il dolore a livello fisico causato dalla malattia, ma anche quello provocato da molti utenti in rete. Sì, perché Nadia Toffa ha dovuto sopportare anche questo. L’ha fatto con molto coraggio e con la forza che sempre l’ha contraddistinta. C’è chi, però, ha voluto sottolineare anche questo aspetto duro.

Parole di odio scagliate sul social network come frecce, dette, probabilmente, con leggerezza ma che colpiscono dritto al cuore di chi le riceve. Ne ha parlato Maurizio Costanzo su Chi. Questa settimana, la rubrica curata dal presentatore si intitola “L’odio degli imbecilli.

Le parole di Maurizio Costanzo

Costanzo ha iniziato con un durissimo attacco contro gli haters: “Purtroppo il web ha consentito agli imbecilli di esprimere pubblicamente la loro opinione“. Ha continuato: “Un vecchio detto recita: ‘La mamma dei cretini è sempre incinta’. E io aggiungo: ‘E come nascono vanno sui social’“.

Il presentatore ha poi parlato delle frasi pronunciate con rabbia nei confronti della Iena: “Hanno creduto che sulla malattia bluffasse, che volesse lucrarci. Io che ho conosciuto Nadia molto bene, posso affermare che era una donna che aveva una voglia di vivere, di farcela, pazzesca“. Infine ha ammonito tutti coloro che non le hanno creduto, che hanno augurato il peggio a Nadia Toffa e che le hanno rivolto tutto l’odio di cui erano capaci: “Le persone che hanno scritto quelle volgarità si devono solo vergognare“.

Anche altri personaggi hanno ricordato la battaglia di Nadia Toffa

Qualche giorno fa, anche Pierluigi Diaco durante una puntata di Io e Te in onda su Rai 1, ha voluto ricordare la battaglia di Nadia Toffa.

Il presentatore ha raccontato dei consigli che aveva dato alla giornalista, le aveva suggerito di non rispondere a queste persone, “di non alimentare la polemica perché avrebbe legittimato” gli odiatori sui social. Invece lei, coraggiosa e testarda, era andata avanti non nascondendosi, replicando a chi la insultava. Un’altra persona vicina alla Toffa aveva lanciato un ammonimento a tutti coloro che avevano offeso la Iena. Elena Santarelli, il giorno della scomparsa di Nadia Toffa, ha scritto su Instagram un lungo messaggio che si concludeva così: “A tutti voi che in passato avete lasciato messaggi orrendi sotto le foto di Nadia se potete chiedete perdono…“.

Immagine in evidenza: Maurizio Costanzo; Nadia Toffa. Fonte: Maurizio Costanzo/Facebook; Nadia Toffa/Instagram