Elisa Pomarelli uccisa da Massimo Sebastiani

In queste ore si stanno svelando i dettagli di quanto successo quel 25 agosto, quando Elisa Pomarelli è sparita nel nulla, dopo un pranzo con Massimo Sebastiani. Il 7 settembre il tragico epilogo: il 45enne viene trovato e fermato, dopo un breve interrogatorio esce dalla caserma accompagnato dalle forze dell’ordine e li porta fino al cadavere di Elisa. NewsMediaset ora rivela che una telecamera di sorveglianza avrebbe ripreso l’omicidio.

Un video dell’omicidio

Una telecamera di sorveglianza, appartenente a una ditta poco distante dall’abitazione di Sebastiani, avrebbe filmato alcune parti dell’aggressione alla 28enne culminata poi con la sua morte. A rivelarlo è NewsMediaset che specifica che sarebbero state proprio quelle immagini a cambiare il capo di imputazione per Sebastiani giorni prima che venisse trovato lui e recuperato il cadavere di lei.

Sebastiani avrebbe ucciso Elisa strangolandola, forse proprio dentro il pollaio dell’abitazione controllato dai ris nei giorni scorsi. Poi avrebbe caricato nel portabagagli dell’auto il cadavere della 28enne passando poi a fare rifornimento alla stazione di servizio in cui è stato immortalato dalle telecamere di sorveglianza.

Il messaggio della sorella di Elisa Pomarelli

Stando a quanto rivelato in queste ore, Sebastiani sarebbe crollato subito di fronte ai carabinieri, rivelando, in lacrime, di aver ucciso l’amica.

Proprio quelle lacrime ora non possono che ferire inesorabilmente la famiglia della 28enne. Francesca Pomarelli, che in questi giorni di ricerche non ha mai smesso di scrivere messaggi alla sorella, ora commenta proprio quelle lacrime: “Ora piangi eh?… ahimè non hai ancora incrociato la mia strada..“. E ancora: “Ormai sei il mio incubo.. Se fossi seriamente pentito accetteresti l’ergastolo a testa china, senza attaccarti ad ogni cavillo.. il minimo che puoi fare è marcirci in galera e non sprecare energie a giustificare un’azione impensabile“.