Paolo Carta e Laura Pausini

Paolo Carta, chitarrista, produttore e cantautore italiano. Da sempre grande amante della musica, soprattutto quella rock, e dal 2005 anche di chi alla musica dà voce: Laura Pausini.

L’infanzia e gli esordi

Nato a Roma il 18 aprile 1964, Paolo è un bambino che mostra da subito la sua passione per la musica e in particolare per la chitarra. A soli 10 anni si
esibisce in pubblico per la prima volta e durante la sua adolescenza ha la possibilità di studiare chitarra classica. Si accorge subito che niente lo coinvolge di più della musica rock.

Jimi Hendrix, i Police, i Genesis, i Deep Purple, i Led Zeppelin sono i suoi mentori.

Verso la metà degli anni 80 inizia a collaborare con il Banco del Mutuo Soccorso, prima come sostituto chitarrista e poi come componente ufficiale della band. Negli stessi anni alcuni grandi nomi della musica italiana vogliono coinvolgerlo nei loro progetti. Così, artisti come Adriano Celentano, Riccardo Cocciante, Gianni Morandi, Eros Ramazzotti e Max Pezzali si aggiungono alla lista delle sue collaborazioni.

Quello di Paolo Carta non è un nome sconosciuto nemmeno per gli artisti internazionali, infatti Whitney Houston e Lionel Richie sono solo due dei cantanti con cui si è esibito.

Nel 1989 pubblica il suo primo album, Domande. Intanto, eclettico per natura, suona anche in alcune sigle dei cartoni animati che allora andavano
in onda su canale 5. Lo si sente suonare nella sigla de I Puffi, Che campioni Holly e Benji, Grande Piccolo Magoo.

Le partecipazioni a Sanremo

Le collaborazioni di Paolo non si fermano, e nel 1995 inizia a lavorare insieme ai Dhamm. Band con cui approderà sul palco di Sanremo per ben due volte, sia come produttore che come chitarrista.

L’anno successivo vince la prima serata di Sanremo Giovani con il brano Un pensiero che si può ballare. Ed è invece il 1997 quando, con il singolo Non si può dire mai… mai, partecipa al festival nella categoria Nuove Scoperte. Da questa esperienza ottiene abbastanza successo da decidere di pubblicare il suo secondo album. Non molto tempo dopo decide di ritirarsi dalle scene musicali come cantautore e di dedicarsi alla produzione e alla chitarra.

L’orchestra che ha suonato all’Ariston nel 2004 gli chiede di partecipare come chitarrista e l’anno seguente, Paolo Bonolis, impressionato dalla sua bravura, gli affida l’apertura del Festival da lui condotta.

Così ci ritroviamo ad ascoltare l’interpretazione rock dell’Inno di Mameli sul palco più conosciuto d’Italia.

Nel 2009 a Sanremo si parla ancora di lui come autore di La forza mia, singolo presente nell’omonimo album interpretato da Marco Carta, che vince la 59esima edizione.

L’amore tra Paolo e Laura

Uomo talentuoso e riservato, si sa tanto della sua vita artistica e pochissimo di quella privata. Da sempre ha fatto del suo talento un mestiere, e grazie al lavoro ha conosciuto Laura Pausini.

Con lei ha iniziato a collaborare nel 2005 e non molto tempo dopo il loro feeling sul palco si è trasformato in un’autentica storia d’amore.

Visualizza questo post su Instagram

Io e il mio amore grande

Un post condiviso da Paolo Carta (@paolocartaofficial) in data:

Sebbene lui fosse già il marito di Rebecca Galli con cui ha avuto 3 figli (Jared, Jacopo e Joseph), ha deciso di viversi la storia d’amore con Laura Pausini. Da questa relazione è nata Paola nel 2013, prima figlia femmina per Paolo e primogenita per Laura.

LA Galli in alcune occasioni non aveva risparmiato critiche alla coppia Pausini-Carta. Nel 2012, a Di Più, aveva dichiarato: “A lei, Laura Pausini, vengono aperte tutte le strade più semplici… compresa quella di prendersi un uomo sposato.

Gli auguro di essere felici, ma sappiamo che qui c’è stata tanta sofferenza”.

Sulla questione figli aveva aggiunto: “Lui ha già tre figli ma non ha il tempo di seguirli perché è sempre preso dalla carriera. E poi ecco che fa un altro figlio perché lei non ne ha avuti”.

La Puasini ha dedicato al suo amore grande anche una canzone, Ogni colore al cielo: “Per te mi spoglierei col gesto più segreto… con l’intima certezza che ora siamo in due”. Su Instagram la cantante aveva spiegato: “Ho scritto questo testo per Paolo, sulla musica che abbiamo creato insieme in riva al mare nel 2008.

Poi l’abbiamo registrata per il disco #PrimaveraInAnticipo. Quale canzone mia avete dedicato alla persona che amate?”.