Giorgio Mastrota

“Il Diavolo fa le pentole e Giorgio Mastrota le vende, recita un vecchio “detto” popolare, ma nella vita del telepromotore per eccellenza c’è molto altro. È infatti diventato nuovamente padre, ma anche nonno e con un matrimonio dietro l’angolo.

Due fiocchi azzurri in casa Mastrota

Giorgio Mastrota si è raccontato al settimanale Oggi, in un’intervista che ha avuto luogo nella sua nuova residenza in Valtellina, a Bormio per la precisione. È il paese dove fino a poco tempo fa ha vissuto la madre, recentemente scomparsa. “È questa coincidenza che non so come prendere: quando io ho preso la residenza a Bormio, lei, che ci ha vissuto fino a 15 giorni fa, è volata via”.

Ad accompagnarlo nella nuova vita in montagna c’è la fidanzata costaricense Floribeth Gutierrez, anche madre del nuovo arrivato in casa Mastrota, Leonardo (21 mesi). Non è il solo fiocco azzurro in famiglia, però: 15 mesi fa è nato anche Marlo, primogenito della figlia Natalia jr., che il conduttore ebbe assieme all’ex moglie Natalia Estrada. Il 53enne Giorgio Mastrota quindi è neo-papà ma anche neo-nonno, un doppio ruolo che pensa di gestire bene: “Sono ruoli simili: sento Marlo come un figlio.

E credo di cavarmela bene. Come compagno – aggiunge il conduttore – sono stato a lungo una frana. Diciamo che Flo mi ha preso al momento giusto.”

La nuova vita in Valtellina e il matrimonio nel 2020

Tra i motivi del trasferimento lontano da Milano c’è la ricerca di una migliore qualità della vita, soprattutto per i figli: “Volevo godermi i due bimbi piccoli. Qui è tutto a portata di bicicletta, non perdo tempo per gli spostamenti, i parcheggi, le code”.

Milano tuttavia non è dimenticata e anzi lo vedrà impegnato nelle sue famigerate televendite, le cui riprese verranno accorpate per consentirgli questa doppia vita, “in modo da passare metà settimana qui e metà a Milano. Bormio è viva: spariti i turisti, resta una comunità numerosa, vivace”.

Nel futuro, anche il matrimonio con la fidanzata Floribeth: la data è già stata fissata per settembre 2020 e, sempre al settimanale Oggi, Mastrota ha rivelato che sarà una cosa intima e tipicamente valtellinese: “Faremo una festa “montagnina”, con i pizzoccheri superstar: niente ostriche e gamberoni, tanto Sassella e bresaola come se piovesse”.

Immagine: E Poi C’è Cattellan / Sky