Nadia Toffa con la mamma Margherita. Fonte: Nadia Toffa/Instagram

La madre di Nadia Toffa ha voluto ringraziare i tarantini e tutti coloro che hanno firmato la petizione lanciata da Alessandra Marotta sul web. Grazie alle moltissime adesioni, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, insieme alla giunta regionale, ha deciso di dare il via libera per intitolare un reparto dell’ospedale di Taranto alla Iena prematuramente scomparsa.

La petizione per intitolare il reparto alla Iena

Una delle tante battaglie di Nadia Toffa era stata proprio quella per la creazione del reparto di Oncoematologia pediatrica dell’ospedale di Taranto Santissima Annunziata. Poco più di un mese fa, i tarantini hanno deciso che fosse giusto che quel reparto fosse a lei intitolato.

Così è stata lanciata una petizione che ha raggiunto oltre 90mila firme.

La decisione favorevole

La richiesta dei cittadini e di tutti i firmatari della petizione è stata accolta favorevolmente dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e dalla sua giunta. Quest’ultima ha deliberato per l’avvio di tutte le procedure necessarie. Emiliano ha chiesto al direttore generale della Asl di Taranto di dare seguito all’iniziativa. Su La Repubblica Bari, si legge che l’intitolazione potrebbe avvenire verso la metà di dicembre.

Le parole della mamma Margherita

Adesso la signora Margherita, la mamma di Nadia Toffa, ha voluto ringraziare tutti coloro che hanno permesso l’omaggio alla figlia. L’ha fatto con parole davvero commoventi: “Mi avete emozionato moltissimo con la vostra vicinanza a Nadia anche dopo la sua scomparsa“. Ha continuato: “Siete stati un esercito di paladini nel sostenere l’intitolazione del reparto di Oncoematologia pediatrica dell’ospedale Santissima Annunziata di Taranto“. E ha concluso: “Mi date molta forza, quella di continuare le battaglie lasciate aperte da lei.

Per il giorno dell’intitolazione io ci sarò“.

L’intenso impegno di Nadia Toffa nei confronti della salute della popolazione tarantina e, soprattutto, di quella dei bambini, è noto. Per questo motivo, la Iena aveva anche ricevuto la cittadinanza onoraria della città pugliese.

L’impegno per continuare le battaglie di Nadia Toffa

All’inizio di settembre, la signora Margherita ha incontrato Gianluigi Nuzzi. Insieme al giornalista hanno chiacchierato e ricordato Nadia. In questa occasione, la madre della Toffa ha lanciato un appello rivolto a tutti. Parlando della gente che è stata vicina alla famiglia nel duro periodo della scomparsa della Iena, ha detto: “Spero che continuino a starci vicini.

E a stare vicini a quello che voleva Nadia“. Ha continuato: “Al suo essere guerriera, al suo portare avanti tanti discorsi, al suo portare avanti le sue lotte, noi vi vogliamo vicini, abbiamo bisogno di voi“. I genitori della Toffa, infatti, non hanno intenzione di abbandonare il lavoro e le battaglie della figlia.

Immagine in evidenza: Nadia Toffa con la mamma Margherita. Fonte: Nadia Toffa/Instagram