ragazzo seduto di spalle

La trasmissione Pomeriggio Cinque è tornata sul caso della ‘mamma a luci rosse’ di Potenza Picena (Macerata), indagata per violenza sessuale e detenzione di stupefacenti (non ai fini di spaccio). Secondo l’accusa, la 40enne avrebbe fatto sesso con l’amico 14enne della figlia, che ha deciso di rilasciare un’intervista al talk di Barbara d’Urso a 5 anni dai fatti contestati. Oggi maggiorenne, il ragazzo ha ribadito la versione che ha condotto all’apertura di una scottante inchiesta.

Sesso con la madre dell’amica: parla il ragazzo

Il caso della 40enne di Potenza Picena indagata per violenza sessuale e detenzione di stupefacenti, accusata di aver fatto sesso con l’amichetto allora 14enne della figlia (i fatti sarebbero risalenti al 2015), è ormai noto alle cronache come lo ‘scandalo di Macerata’.

“Mamma a luci rosse”, secondo il ritratto dell’accusa, ma lei continua a difendersi e ha inviato una lettera a Barbara d’Urso – che è tornata sulla vicenda nella puntata di Pomeriggio Cinque dell’8 ottobre scorso – in cui sostiene che la vicenda sia priva di fondamento e lesiva per la sua vita e quella della sua famiglia.

Vengo accusata ingiustamente – ha scritto l’indagata -, non ho avuto rapporti con un ragazzo, non gli mai ho dato droga, del resto nulla è stato trovato dai carabinieri a casa mia quando sono venuti per la perquisizione“.

Si è detta certa di poter dimostrare la sua totale estraneità a quanto le viene attribuito, e l’udienza preliminare è stata fissata per il 9 ottobre. Intanto, sempre attraverso il talk di Canale 5, il ragazzo, oggi maggiorenne, ha deciso di raccontare la sua versione.

Nel corso della trasmissione, il giovane ha ribadito le accuse ai microfoni di Vito Paglia: “Ho conosciuto la famiglia nel 2014, in occasione di una festa di compleanno della figlia.

Ricordo che durante le cene c’erano bottiglie di alcol che non erano birre, ma magari vodka, amari, roba pesante. Ci faceva fumare marijuana, hashish. Ho avuto più rapporti sessuali con lei, non solo uno, non pochi, non solo a casa“.

Secondo il suo racconto ci sarebbero state occasioni in cui la donna gli avrebbe messo “le mani in mezzo ai pantaloni“. Stando allo scenario ricostruito dal giovane protagonista, le figlie e il marito della 40enne “a volte andavano a dormire, a volte non c’erano proprio”.

E aggiunge: ” Non so se erano al corrente, ma so che a volte erano lì dentro“.

Presunti messaggi e video espliciti

Il ragazzo ha poi parlato dei presunti messaggi che si sarebbero scambiati, ma sostiene anche che ci siano dei “video dove lei non è una donna normale“.

Ma ci sarebbe dell’altro: stando a questo racconto, all’epoca altri minori sarebbero finiti nella stessa trama di contatti a sfondo sessuale. In particolare, un altro giovane – allora anch’egli 14enne – sostiene di aver subito lo stesso trattamento dalla donna.

Lo aveva rivelato a Pomeriggio Cinque, nel corso di un’intervista andata in onda qualche settimana fa: “Ha provato a mettere una mano in mezzo alle gambe, perché sono salito nella sua macchina per fare un favore che dovevo ad un mio amico.. però l’ho scansata, le ho detto no. E mi ha riportato al posto dove mi ha caricato con la macchina“.