Vanessa Scalera

Il successo di Vanessa Scalera nei panni di Imma Tataranni può dirsi trasversale e notevole. Tuttavia, come la stessa ‘erede televisiva di Montalbano’ ha rivelato, la fama è un po’ croce e delizia del suo percorso. In una recente intervista per TV Sorrisi e Canzoni, infatti, ha rivelato il dietro le quinte di una consacrazione che non teme confronti. Un retroscena a dir poco inimmaginabile per i fan, che non si aspetterebbero una simile verità a fronte di un clamoroso consenso (con ascolti in continua ascesa).

La verità di Vanessa Scalera

C’è qualcosa di inaspettato tra le righe della recente intervista rilasciata da Vanessa Scalera a TV Sorrisi e Canzoni.

L’attrice della serie Imma Tataranni ha svelato un dettaglio inedito che si celerebbe dietro il suo incredibile successo.

Di cosa si tratta? La verità sarebbe molto diversa dall’immagine di una diva tutta autografi e flash: nessuno, fuori dal set, la riconosce per strada. Il motivo sarebbe legato al drastico cambio di look che porta in scena: “Ci ho impiegato così tanto a costruire il personaggio di Imma, con quel look un po’ squinternato e quei capelli rossi, che nessuno mi riconosce: io nella vita sono completamente diversa“.

Vanessa Scalera
Vanessa Scalera

Il successo all’improvviso di Imma Tataranni

Certo è che il successo incassato con la fiction trasmessa su Rai 1 è davvero imponente, tanto da non far rimpiangere l’assenza di un colosso come il ‘Commissario Montalbano’ (di cui è stata addirittura definita “la risposta femminile”).

Ma cosa è cambiato con questa esplosione di consensi? Paradossalmente, per l’attrice sarebbe cambiato davvero poco, o nulla.

Una situazione decisamente diversa rispetto al vissuto dei genitori che, a suo dire, sarebbero le vere ‘star’ nella costellazione fortunata in cui lei si muove:In realtà – ha spiegato l’attrice a TV Sorrisi e Canzoni – sono loro a essere diventati famosi.

Mia madre, quando va a fare la spesa, viene fermata da gente che non ricordava d’aver mai conosciuto. Insomma, sono tutti contenti“.