Veronica Stabile

Nuova importante rivelazione sul caso della scomparsa di Claudia Stabile, madre di 3 figli di cui non si hanno notizie da tre settimane. La donna era già scappata 3 anni fa, portando con sé uno dei figli. Il marito l’aveva anche denunciata.

Scomparsa dall’8 ottobre

Il caso stava assumendo contorni misteriosi e drammatici. La mattina dell’8 ottobre l’auto di Claudia Stabile, madre di 3 figli, è entrata nel parcheggio dell’aeroporto Falcone e Borsellino di Palermo. L’auto era aperta, le chiavi sotto il tappetino, ma della donna nessuna traccia. È stato il marito stesso a ritrovarla, dopo due giorni senza avere sue notizie.


Da allora non si sa nulla di lei e il marito, Piero Bono, ha denunciato la scomparsa e chiesto l’aiuto anche di Chi l’ha visto?, che ha provato a ricostruire la vicenda. L’ultima chiamata della donna al marito diceva “Visto che è il tuo compleanno sto andando a Corleone per comprare il necessario per prepararti una torta”, quindi la partenza dal comune di Campofiorito e poi più nulla. Alle telecamere del programma, il marito ha lanciato un appello alla donna, chiedendo alla donna di farsi sentire perché i bambini stavano soffrendo moltissimo.

Nel 2016 era già scappata

La vicenda però si è arricchita di nuovi importanti dettagli.

Claudia Stabile, infatti, era già scappata in Germania nel 2016, dove la donna ha dei parenti e avrebbe vissuto in alcuni centri di accoglienza. Nella sua fuga dall’Italia, aveva portato con sé uno dei figli. Il marito l’aveva quindi denunciata per abbandono del tetto coniugale e la donna, al suo rientro in Italia, era stata fermata dalla Polizia allo stesso aeroporto da cui ora si sono perse le tracce della donna.
Nel luglio scorso le era stato imposto l’obbligo di firma e il divieto di espatrio. Nei giorni scorsi, inoltre, si era tenuta la seconda udienza del processo.

Nelle fase precedenti del processo, che la vede imputata per sottrazione di minore all’estero e violazione degli obblighi di assistenza familiare, la donna aveva spiegato cosa l’aveva portata a scappare.
Il prossimo processo sarà a marzo 2020, ma ora il mistero della sua scomparsa prende una piega diversa. La pista più vagliata sarà quella della fuga volontaria, considerato il passato della donna, del quale tuttavia il marito non ha parlato nel suo appello.