elezioni umbria

La sfida elettorale in Umbria avrà delle risonanze ben oltre i confini della Regione. I maggiori contendenti per il ruolo di governatore sono Vincenzo Bianconi, candidato dell’alleanza di governo PD e Movimento 5 Stelle, e Donatella Tesei, che corre per il centrodestra. Un banco di prova per maggioranza e opposizione che riguarda oltre 800mila cittadini. Alle 19 ai seggi si è registrata un’affluenza record, di 13 punti superiore alle ultime elezioni regionali. Un segno dell’importanza mediatica che questa chiamata alle urne ha conquistato.

Umbria, affluenza senza precedenti alle urne

Ad urne appena chiuse è difficile azzardare pronostici, ma un dato certo è quello dell’affluenza ai seggi, un record.

Secondo i dati del Ministero dell’Interno, si sono recati alle urne il 65,89% degli aventi diritto al voto, che sono 700mila cittadini in totale, un salto di quasi nove punti rispetto alle precedenti elezioni regionali. Una situazione che rende ancora più incerto l’esito del voto nonostante gli exit poll, spesso smentiti dallo spoglio in passato, diano in netto vantaggio la candidata di centrodestra.

I candidati: secondo gli exit poll in testa Tesei

I primi exit poll resi noti dalla Rai vedono un risultato che non lascia spazio a dubbi. Donatella Tesei, ex sindaca di Monfalco e senatrice della Lega, condurrebbe la partita con una forbice tra il 56,5% e il 60,5%.

Una prospettiva quella della vittoria così ampia che Matteo Salvini si è lasciato sfuggire un commento parlando di “impresa storica“. Il concorrente, Vincenzo Bianconi, segue tra il 35,5% e il 39,5%, mentre Claudio Ricci segue con un risultato tra l’1,5% e il 4,5%.

Le alleanze si giocano in Umbria

Potrebbe essere la rivincita per Matteo Salvini, il quale si è speso ampiamente per la campagna elettorale umbra, insieme agli alleati Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, e a Silvio Berlusconi con Forza Italia.

Stiamo scrivendo una pagina di storia“, ha scritto il segretario della Lega su Facebook nei giorni scorsi, pubblicando una foto insieme a Donatella Tesei.

A pagarne lo scotto potrebbero essere i protagonisti della “foto di Narni”, uno scatto diventato emblematico della nuova alleanza giallorossa. Sul palco per supportare Vincenzo Bianconi c’erano Nicola Zingaretti, Luigi Di Maio, Roberto Speranza e anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Gli sforzi profusi, e la partecipazione di Conte che per la prima volta mette la faccia per delle elezioni, potrebbero però non bastare e la futura alleanza governativa per Emilia Romagna e Calabria, prossime al voto, potrebbe presto naufragare.