tesei e salvini sorridenti e abbracciati in posa per le foto

Il centrodestra ha conquistato l’Umbria. Le elezioni regionali in Umbria hanno dato un responso chiaro: Donatella Tesei ha staccato di circa 20 punti Vincenzo Bianconi, candidato del centrosinistra. Vediamo i numeri: la Tesei conquista il 57,55%; mentre Bianconi si ferma al 37,49%. La Lega ottiene il 36.94%, Fratelli d’Italia il 10,39% e Forza Italia al 5,50. A doversi leccare le ferite di questa elezione il Pd che si ferma al 22,33%, ma soprattutto il M5s al 7,41%.

Le prime parole della Tesei

Donatella Tesei ha parlato di fronte ai giornalisti all’Hotel Fortuna di Perugia, accanto a lei il leader della Lega Matteo Salvini: “Amministrare questa regione non sarà facile nella situazione in cui si trova, bisognerà lavorare da subito per ridarle un futuro“.

E ancora: “Sono anche spaventata da questo risultato, mi aspettavo un buon risultato ma, aspettiamo i dati, questo è un risultato straordinario. Ringrazio gli umbri che hanno dimostrato una volontà di cambiamento“. Intanto Salvini affonda il colpo: “Qualcuno al governo dovrebbe ritenersi abusivo“, attaccando quindi Conte e la sua leadership.

La parola agli sconfitti

Anche il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, ha commentato i risultati del voto, riconoscendo la netta sconfitta che “conferma una tendenza negativa del centrosinistra consolidata in questi anni in molti grandi Comuni umbri che non si è riusciti a ribaltare.

 Il risultato intorno a Bianconi conferma, malgrado scissioni e disimpegni, il consenso delle forze che hanno dato vita all’alleanza“. E ancora: “Ovviamente rifletteremo molto su questo voto e le scelte da fare, voto certo non aiutato dal caos di polemiche che ha accompagnato la manovra economica del governo“.

Intanto il primo commento dei 5 stelle arriva dalla pagina Facebook del Movimento: “Il patto civico per l’Umbria lo abbiamo sempre considerato un laboratorio, ma l’esperimento non ha funzionato. Il Movimento nella sua storia non aveva mai provato una strada simile.

E questa esperienza testimonia che potremo davvero rappresentare la terza via solo guardando oltre i due poli contrapposti“.