Barbara d'Urso e Montalbano

Nonostante lo spostamento al lunedì sera per cercare più share, Barbara d’Urso finisce ancora una volta dietro a Montalbano. Buoni numeri per Report, che contribuisce al successo delle reti pubbliche sulle altre.

Montalbano regna

C’erano tutti i presupposti per quel cambio di marcia che Mediaset stava cercando, quando ha deciso di spostare Live non è la d’Urso al lunedì sera. Complice la fine di Temptation Island VIP e lo slittamento del Grande Fratello, a Cologno Monzese hanno deciso di spostare lo show di Barbara d’Urso, a caccia di una fetta maggiore di ascolti.
In casa Rai hanno tuttavia risposto schierando uno storico rivale negli ascolti di Barbarella: il Commissario Montalbano.

Neanche nuovi episodi, ma repliche. Neanche repliche recenti, ma della nona stagione risalente al 2013. Poco importa, Rai 1 ha ottenuto il massimo risultato col minimo sforzo e si è portata a casa il 21,4% di share, pari a 4.615.000 spettatori.

La d’Urso si ferma al 13%

Niente da fare quindi per Live non è la d’Urso, neanche per questa volta. Per l’esordio settimanale del programma gli autori avevano per la verità preparato una puntata un po’ “freddina”: niente in stile intervista a Matteo Salvini, ma un approfondimento sulla chirurgia plastica e l’inchiesta di Fanpage.it Camorra Enterteinment, con interviste a Tony Colombo e Tina Rispoli.


Tutto questo ha portato in dota il 13% di share, poco meno di 2 milioni di spettatori. Non un cattivo risultato, ma di certo in casa Mediaset si aspettavano ben altro. I numeri infatti sono perfettamente in linea con la messa in onda domenicale, quindi il cambio di giorno non ha portato beneficio al programma della d’Urso.

Il resto dello share

La Rai vince la serata anche nella “partita a squadre”: Report si è classificato terzo programma più visto con un buon 9% (2.100.000 spettatori, più che Canale 5), ma neanche il calo di Stasera tutto è possibile di Stefano di Martino all’8,4% ha tolto la vittoria all’emittente pubblica.


Mediaset ha risposto con il 7% di Quarta Repubblica e il 4,8% del film Die Hard su Italia Uno, per un risultato complessivo delle tre reti principali del 24,8% contro il 38,6% della Rai.
Il resto dello share è diviso tra Grey’s Anatomy su La7 (2,7% e 592.000 spettatori), Django Unchained su Tv8 (2,3% e 412.000 spettatori) e Tutto tutto Niente Niente, che sul Nove ha totalizzato l’1,6% di share e 371.000 spettatori.

Per chi si aspettava un risultato diverso e magari era pronto anche a scommetterci, questo lunedì sera ha confermato una cosa: il Commissario Montalbano non si batte.