Fiorella Mannoia sul palco

Fiorella Mannoia sta girando le principali città italiane per le tappe del suo Personale Tour che sta avendo il tutto esaurito. Tuttavia, la cantante sta attraversando qualche problema personale. Dopo che la sua presunta stalker è stata fermata , la donna è stata vittima anche di una vera e propria truffa dato che qualcuno sta usando il suo volto per pubblicizzare prodotti dimagranti. 

Il volto della Mannoia usato per una truffa

Fiorella Mannoia non ci sta e decide di fare chiarezza. Proprio nel corso delle ultime ore è apparso sul profilo Facebook ufficiale della cantante uno sfogo in caratteri maiuscoli in cui la donna spiega di essere stata vittima di una sorta di truffa.

La Mannoia vuole mettere in guardia i suoi fan da chi sta usando il suo volto e la sua immagine per pubblicizzare dei prodotti dimagranti. Ecco cosa si legge sul suo profilo: “Continuano ad arrivarmi messaggi da persone che mi chiedono delucidazioni su un prodotto dimagrante che viene pubblicizzato da dei farabutti che usano la mia faccia come esca. Non comprateli, sono truffe”.

Quindi, ci sarebbe qualcuno che sta usando il nome e il volto della cantante per un proprio tornaconto, trasgredendo anche la legge. Naturalmente, i fan della Mannoia le stanno dando supporto sui social, suggerendole proprio di denunciare queste persone.

 

Lo sfogo Twitter con Laura Pausini

Già la scorsa estate, Fiorella Mannoia si era sfogata su Twitter per parlare proprio di questo fenomeno, evidentemente comune a molti altri vip, sfruttati appositamente per la loro popolarità. In quell’occasione, la donna era corsa in supporto della cantante Laura Pausini che aveva denunciato delle società che usavano il suo volto per i banner pubblicitari. La Pausini aveva tuonato in un Tweet: “Le diete si fanno coi dottori”. La Mannoia aveva risposto al cinguettio della collega: “Stanno usando anche me, diffidate di questi ciarlatani.

Non comprate questi intrugli”. La Pausini a questo punto, aveva risposto: “Ci conviene ingrassare.. siamo più felici e non possiamo essere usate per queste cose false”.