Massimo Giletti e Barbara d'Urso in primo piano

Continuano le frecciatine a distanza e non velate tra Massimo Giletti e Barbara d’Urso. Un continuo rimbalzare di accuse reciproche, proprio come rimbalzano gli argomenti da una parte all’altra tra gli studi di Mediaset e La7, impegnati a portare in studio quasi un lavoro speculare. Si parla in quel di Non è l’Arena nuovamente del matrimonio tra Tina Rispoli e Tony Colombo, topic dell’inchiesta di Fanpage ed un’occasione calda per Giletti, l’ennesima, per riflettere su come lo stesso argomento è stato affrontato in altre trasmissioni televisive.

Non è l’Arena torna sul matrimonio Colombo-Rispoli

L’affronto non troppo celato è arrivato in medias res dopo aver introdotto l’argomento in studio, tra i topic della puntata di Non è l’Arena andata in onda domenica 3 novembre.

Sul tavolo, Giletti porta il matrimonio tra Immacolata Rispoli, detta Tina (precedentemente sposata con il boss Gaetano Marino morto il 23 agosto del 2012, freddato vicino a Terracina da 13 colpi di pistola) e il cantante neomelodico Tony Colombo.

Ed è proprio introducendo il matrimonio che Giletti coglie al volo un’occasione per lanciare una frecciatina ai competitor: “Da questo matrimonio partiamo proprio con le immagini perché dietro a questo matrimonio c’è qualcosa che non torna nonostante tante trasmissioni televisive lo abbiano esaltato“, chiosa Giletti.

Lo abbiano messo al centro di intere serate“, continua il conduttore prima di lanciare il video delle nozze. Matrimonio fuori dalle righe o che cela qualcosa? Questo si domanda Giletti facendo intervenire in studio il direttore di Fanpage, Francesco Piccinini che proprio sul caso ha voluto indagare con un lavoro d’inchiesta battezzato Camorra Entertainment.

Lucarelli e Giletti, la critica al “salotto” televisivo

Insieme a Selvaggia Lucarelli, Giletti discorre sul come è stata portata in auge e in televisione la vicenda, sui modi e i toni con i quali sono state spettacolarizzate delle nozze dietro le quali aleggerebbe il fantasma della Camorra.

Si discute in studio sulla gravità della leggerezza e sulla delicatezza con le quali queste nozze sono riuscite ad entrare nell’intrattenimento senza un filtro.

Giletti puntualizza sui messaggi nascosti che si celano dietro ad un’apparizione televisiva e ne sottolinea la noncuranza con il quale il tutto sia riuscito a finire, minimizzato, in un calderone tra eccessi folkloristici e gusto trash: “Un passaggio televisivo di un certo tipo accredita, e noi non possiamo accreditare queste situazioni“. Successiva l’incursione di Selvaggia Lucarelli che, alludendo all’ultima apparizione televisiva di Colombo e Rispoli proprio nello studio di Live – Non è la d’Urso (in cui la coppia si è difesa dalle accuse di Fanpage) tuona: “Ho sentito chiamare dalla conduttrice di quel salotto Tina Rispoli ‘principessa con la coroncina’“.

Giletti polemico: “A che gioco gioca questa televisione?”

Tony Colombo e Tina Rispoli – tuona poi la Lucarelli, in riferimento al medesimo salotto televisivo che non viene mai menzionato – Hanno parlato di Gaetano Marino, dicendo ‘vabbè comunque qualsiasi cosa abbia fatto, se ha sbagliato, lui è morto e ha pagato‘. Per loro la morte di Gaetano Marino ucciso e giustiziato dalla Camorra è un’espiazione, come se con la morte fosse redento“. “Come mai siamo sempre noi a farlo?”, si interroga poi, con tono molto polemico, sempre Giletti in riferimento a questa narrazione dei fatti. “Io poi mi piglio le critiche, gli attacchi personali però sinceramente è curioso che su tutta ‘sta vicenda, tutti giocano alla principessa e alla coroncina, però alla fine la verità purtroppo è ben altra”, tuona poi Giletti, e la critica è sempre più delineata. “La nostra responsabilità è enorme, soprattutto quando parliamo ad un pubblico che non ha la capacità di filtrarla non può neanche sapere chi sono magari perché non sono tutti in grado di conoscere chi è Tony Colombo e chi Tina Rispoli, quindi a che gioco gioca questa televisione?“, una stilettata incapace di cadere a terra inosservata.