Cristian Farris

Non si arrende la famiglia di Cristian Farris, il 27enne scomparso lo scorso 21 ottobre a Orroli (Cagliari), e lancia un nuovo appello sui social. Del giovane non si hanno più tracce e, dopo il ritrovamento del suo furgone bruciato, il giallo della sparizione del suo cane si somma a un tessuto di misteri sempre più fitto. La madre, Giulia Sulis, ha parlato ai microfoni della stampa locale, esprimendo le sue perplessità sui contorni di una vicenda apparentemente inspiegabile: il ragazzo ha incontrato qualcuno quella sera? Stando alle testimonianze finora raccolte, il 27enne avrebbe riferito a un amico di essere invitato ad una cena, ma nulla sarebbe trapelato sui dettagli di questo presunto appuntamento.

Nuovo appello per Cristian Farris

La madre di Cristian Farris, intervistata dal quotidiano locale L’Unione Sarda, ha ribadito di credere nell’esistenza in vita di suo figlio e continua a proporre interrogativi taglienti sulla scomparsa del 27enne.

Del giovane non si hanno più notizie dalla serata del 21 ottobre scorso, da quando avrebbe riferito a un amico di avere un impegno per cena fuori paese. Mistero su questo presunto appuntamento, come mistero è intorno al ritrovamento del suo furgone, bruciato, nelle campagne a circa 5 chilometri dal comune di Escalaplano.

Un altro conoscente del 27enne, secondo quanto riferito dalla donna, avrebbe visto suo figlio intorno alle 20.15, “come se avesse fretta, di solito si fermava a parlare, quella sera no. Era con il furgone“. Sarebbe questo l’ultimo avvistamento, l’alba di un giallo ancora irrisolto.

E mentre le ricerche di forze dell’ordine e volontari proseguono senza sosta, su Facebook i parenti e gli amici di Cristian Farris – che escluderebbero l’eventualità di un allontanamento volontario – continuano a diffondere appelli, nella speranza che la soluzione sia più vicina di quanto i troppi giorni di attesa farebbero credere.

Il cugino del ragazzo scomparso, Paolo Farris, ha invitato a condividere l’iniziativa nata per sondare possibili tracce del giovane a Cagliari, dove alcune segnalazioni lo avrebbero voluto presente qualche giorno fa: “Venerdì 8 novembre a Cagliari ci saranno le ricerche di Cristian Farris“.

Il giallo in 3 punti: il furgone, il cane e l’assegno

Finché non vedo il corpo di mio figlio, per me lui è vivo. Qualcuno lo ha tradito (…) aveva amici e nemici come tutti, ma non da arrivare ad ucciderlo“: sono queste alcune delle parole spese da Giulia Sulis, madre di Cristian Farris, che continua a cercare una risposta alla misteriosa sparizione del figlio.

Il giallo della scomparsa sembra innestarsi su 3 punti di apparente interesse investigativo: anzitutto sul furgone bruciato, ritrovato in una zona rurale prossima al comune di Escalaplano, che ha alimentato le paure della famiglia e che, secondo la mamma, sarebbe un depistaggio.

Poi sulla sparizione del suo cane, animale da cui non si separava mai e che sarebbe stato solito affidare alle cure di amici e parenti quando si spostava.

In ultima battuta l’assegno di 730 euro che avrebbe incassato proprio la mattina, come riferito dalla madre a L’Unione Sarda: “Aveva appena venduto 5 paia di scarpe (Farris è un calzolaio, ndr) e lo hanno pagato con un assegno. Mi sono chiesta ‘non è che lo hanno aggredito per questi soldi?‘”.

La madre del 27enne si è interrogata anche su questo aspetto, per un motivo che ha precisato al quotidiano sardo. Cristian Farris aveva inserito la foto dell’assegno in uno ‘stato’ su WhatsApp, e questo, in principio, avrebbe generato preoccupazione nella donna: “Già rubano per 10 euro, ti danno una mazzata, se metti un assegno del genere sanno che hai soldi, ti danno un colpo. Ho pensato che l’avessero aggredito per questi soldi“.

*immagine in alto: Cristian Farris, scomparso a Orroli, in Sardegna – fonte/Facebook Paolo Farris, dimensioni modificate